CONDIVIDI

TRIESTE – Un’edizione da record e anche dal forte stampo politico. La Barcolana 50, la regata più grande al mondo, quest’anno è ancora più grande del solito, con circa 2700 partecipanti e uno spirito solidale – in difesa delle attività di salvataggio dei migranti nel mediterraneo – impresso già nello slogan, disegnato da Marina Abramovic, “Siamo tutti nella stessa barca”.Alle 10.30, dopo il passaggio della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori, prevista alle 10.10, la regata più grande del mondo partirà imbiancando di vele il Golfo di Trieste con i suoi 25 mila partecipanti. Il Cinquantenario della regata, la presenza di Nave Vespucci, gli oltre quattrocento eventi a terra e in mare organizzati dalla Società Velica di Barcola e Grignano con un team di sponsor, a partire da Assicurazioni Generali, ha attirato un numero record di imbarcazioni, di velisti e di pubblico.Una regata politica e solidaleL’edizione 50 della Barcolana quest’anno si caratterizza anche per un aspetto politico. La piattaforma Mediterranea, che riunisce le associazioni e le realtà politiche e sociali impegnata nel salvataggio dei migranti nel Mediterraneo, in particolare con la nave Mare Jonio, partecipa alla grande festa del mare. E in occasione della regata – il cui manifesto creato da Marina Abramovic ha come slogan “We’re all in the same boat”, siamo tutti sulla stessa barca – numerosi equipaggi manifesteranno la propria vicinanza e supporto al progetto, mentre la scrittrice Michela Murgia, testimonial della missione, e Alessandro Metz, amministratore della società armatoriale creata ad hoc per acquistare la Mare Jonio, faranno parte dell’equipaggio di una delle imbarcazioni impegnate nella regata. “Amare il mare – ha detto Metz – significa da sempre anche rispettarne le regole, avere responsabilità, agire con solidarietà. La gente di mare sa che in mare si salva, sempre e comunque, chi si trova in difficoltà. Per questi motivi abbiamo deciso di essere presenti alla barcolana, per informare e sensibilizzare sulla missione che, attraverso il crowdfunding su mediterranearescue.org, è costruita sul supporto e il coinvolgimento delle persone”.repApprofondimento



Source link