CONDIVIDI

Fotogramma

Pubblicato il: 03/10/2018 09:50
Le Borse europee aprono positive, maglia rosa per Milano dopo che nelle ultime ore si è aperto qualche spiraglio a un’ipotesi di correzione sulla manovra: deficit al 2,4% nel 2019 ma più basso per il 2020 e 2021. Un segnale del governo a Bruxelles e ai mercati. A Milano, l’indice Ftse Mib guadagna l’1,16% a 20.802; in spolvero l’indice bancario (+2,52%) più colpito dalle vendite nelle ultime sedute. Lo spread tra Btp e Bund apre in calo a 287 punti base con un rendimento del decennale a 3,32%.
Londra segna +0,21%, positiva Parigi +0,38%, chiusa per festività Francoforte. Chiusura negativa per la Borsa di Tokyo (Nikkei -0,66%), contrastata invece ieri Wall Street (Dow Jones +0,46%, Nasdaq -0,47%).

A Piazza Affari corre Banco Bpm +4,22%, tonici anche Banca Generali +2,87% e Intesa Sanpaolo a 2,171 euro (+2,99%). Bper registra un progresso dell’1,60%, rialzi di oltre due punti percentuali per Ubi Banca e Mediobanca. Rimbalza Telecom +2,59% a 0,495 euro all’indomani dell’asta per le frequenze 5G. Sulla parità Ferrari e Fca, in flessione Luxottica -0,24% e Moncler -0,28%. Maggior ribasso per Saipem che lascia sul terreno lo 0,30%. Sull’All Share in asta di volatilità per eccesso di rialzo Astaldi, sul titolo resta il vigore fino alla fine della seduta di domani il divieto di vendite allo scoperto.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.



Source link