CONDIVIDI



Il vertice sulla legge di Stabilità è in corso, le trattative continueranno fino a questa sera, ma sul deficit il governo gialloverde è costretto a scendere ancora. Secondo fonti del Tesoro, il disavanzo scenderà al 2,1 per cento nel 2020 (era 2,2 fino a ieri) e all’1,8 per cento (era al 2) per il 2021. E’ l’ulteriore compromesso offerto a Bruxelles e la ciambella di salvataggio per placare i mercati.  

LEGGI ANCHE Istat: aumentano i redditi ma i consumi restano stagnanti  

Grillini e leghisti sono riusciti solo a preservare il 2,4 per il 2019 e secondo quanto si apprende non retrocederanno da questa cifra, anche a costo di uno scontro in Europa. In queste ore tra il Mef e Palazzo Chigi si stanno mettendo a punto le ultime tabelle con i numeri della manovra nel complicato tentativo di far quadrare tagli, risorse e promesse elettorali, a partire da reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero.  



Source link