CONDIVIDI



Un Toro cattivo. E che ha bisogno del miglior Belotti. L’unica strada – a questo punto della stagione – è tirare fuori tutta la fame che si ha. Walter Mazzarri traccia la strada e carica i suoi in vista della sfida dal sapore d’Europa in programma domani sera al Grande Torino contro il Milan.  
«Cominciamo ad esserci, al Bentegodi l’abbiamo dimostrato – sono le parole del tecnico granata -, purtroppo ci è mancata la cattiveria negli ultimi 30 metri. Dovevamo portare a casa i 3 punti, ho insistito tanto su questo tasto con la squadra. E ci sarà bisogno del miglior Belotti contro un gruppo così forte, che la volta prima ha tenuto testa al Napoli». 

Prima il Chievo, domani i rossoneri e domenica l’Atalanta: il crocevia dell’Europa granata per ora non prevede turnover. «Quando si giocano partite così ravvicinate eventuali cambi riguardano la terza – assicura Mazzarri -, chi stava già giocando continui così. Come Baselli: è uno dei più in forma, ora cerchi la continuità». 
Tutti disponibili in casa granata con il ritorno di Niang e Berenguer, soprattutto il primo può essere il valore aggiunto per il finale di stagione granata. «Niang prenda spunto da Ljajic – ancora il tecnico di San Vincenzo -, domani non parte titolare, ma se entra e mi fa vedere cosa gli chiedo, ci sarà spazio anche per lui e potrà esserci molto utile». 

Alcuni diritti riservati.



Source link