CONDIVIDI



Misteri e sospetti dietro la morte del giornalista russo Maxim Borodin, caduto dal balcone del suo appartamento al quinto piano giovedì scorso e morto stamane in ospedale. Pare che il suo appartamento fosse chiuso dall’interno. Borodin stava indagando sulle morti di mercenari russi in Siria. Ne aveva scritto a marzo. 

Secondo alcune fonti migliaia di mercenari russi sarebbero stati dispiegati in Siria da un’oscura società russa, probabilmente finanziata da Yevgeny Prigozhin. Quest’ultimo è stato incriminato dagli Usa a febbraio con l’accusa di aver finanziato «la fabbrica di troll» accusata di aver tentato di influenzare le elezioni presidenziali americane del 2016. 

Alcuni diritti riservati.



Source link