CONDIVIDI



L’ulivo in Puglia è padre e madre. L’ulivo è paesaggio. Certo, anche olio e affari, ma soprattutto è storia e identità. E non a caso un ulivo compare anche nel simbolo della Regione. Nodosi e aspri, bellissimi e austeri. Ora stanno morendo. Anche i «patriarchi», gli ulivi millenari, sono minacciati di morte. Per colpa della Xylella Fastidiosa, il batterio killer che dal 2013 si è insinuato nel Salento decretando la fine di centinaia di alberi. Il batterio non si è fermato. Adesso è a forte rischio contagio anche “la Piana degli ulivi”, inimitabile e invidiabile attrazione naturalistica e turistica concentrata soprattutto (ma non solo) tra la città bianca di Ostuni, Fasano, Monopoli e Carovigno. I patriarchi di Puglia, piante che in alcuni casi hanno 3 mila anni e risalgono all’epoca degli antichi Messapi. Hanno fatto innamorare vip internazionali che hanno poi scelto la Puglia come loro seconda dimora, da Helen Mirren a Francis Ford Coppola fino a Gerard Depardieu. I patriarchi che il vento e le intemperie hanno trasformato, annodato, piegato, ma mai spezzato, ora potrebbero soccombere a causa del Xylella.  

A Bruxelles, dove il caso è seguito sin dall’inizio, è tornata alta l’allerta sugli ulivi infetti in Puglia e in Corsica. In Spagna, invece, sono i mandorli a essere uccisi: il batterio è sempre lo stesso, quello che succhia la linfa e impedisce all’acqua e ai nutrienti di arrivare alla chioma. In Puglia sono tre le zone colpite. Nell’area infetta, in provincia di Lecce, c’è stata già un’ecatombe. Poi ci sono le due zone di contenimento e cuscinetto, in tutto 17 mila ettari, nelle campagne di Taranto e Brindisi. Nel monitoraggio 2016-2017 gli ulivi infetti erano poco meno di 900. L’ultimo aggiornamento dei dati, inviato dalla Regione al ministero delle Politiche Agricole, fa salire l’allarme: da luglio 2017 al 6 aprile 2018 sono state analizzate 188.610 piante e 3..277 sono risultate positive alla Xylella. «La Regione sta mettendo in campo tutti gli strumenti possibili per contenere l’avanzata – dice l’assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo Di Gioia – Dopo il via libera da parte di Bruxelles, si delibererà sui reimpianti di piante resistenti al batterio nella zona infetta». «La linea a Nord è stata innalzata più volte: ora è alle porte di Bari, la Regione si sta muovendo ma questo è diventato un problema sovrannazionale», precisa Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Puglia. 

Il batterio, dunque, avanza inesorabile, da Lecce verso Bari. Dal Sud al Nord della Puglia, senza sosta, nascono nuovi focolai. «Nel Salento già registriamo un calo di produzione di olio del 40 per cento, 800 aziende sono in stato di calamità – racconta l’agronomo Giovanni Melcarne, presidente del Consorzio Dop “Terra d’Otranto” -. Alcuni frantoi hanno già chiuso e chi ha dovuto abbattere gli ulivi non riesce neanche a vendere il legname: è abbondante e il mercato è rapidamente crollato». 

Non tutti hanno voglia (e soprattutto la forza) di metterci la faccia: le responsabilità non sono solo del batterio killer, ma anche dell’incuria e di tanti proprietari terrieri poco inclini alle cure. Marilù Mastrogiovanni, giornalista (sotto tutela delle forze dell’ordine per le sue inchieste sulla Sacra Corona Unita) e direttore del sito iltaccoditalia.info ha pubblicato “Xylellla Report” un libro-inchiesta stampato grazie alla fiducia dei sui lettori, che hanno acquistato di migliaia di copie con il crowfunding. «Si continua con la strategia del 2013 – spiega Mastrogiovanni – decisa a tavolino dalla Regione: la distruzione del batterio con lo sradicamento. Non sono mai state provate altre strade. L’inchiesta giudiziaria ha dimostrato che alberi verdi e apparentemente sani hanno il batterio e alberi secchi no. Perché non è mai stato verificato se ad uccidere gli ulivi in Puglia – dove si potrà costruire dopo sette anni dall’abbattimento – ci siano anche altre cause». Gli ulivi millenari, pazienti, attendono la salvezza. Bisogna fare in fretta. 

Alcuni diritti riservati.



Source link