CONDIVIDI



(ANSA) – WASHINGTON, 9 APR – Christopher Wylie ritiene che Cambridge Analytica, di cui era dipendente, potrebbe aver messo insieme più di 87 milioni di profili Facebook e che i dati “potrebbero essere immagazzinati in varie parti del mondo, compresa la Russia, per il fatto che il professore che gestiva la raccolta dati (Aleksandr Kogan, ndr) andava avanti e indietro tra Gran Bretagna e Russia”. Lo ha sostenuto lo stesso Wylie – diventato una delle fonti che ha rivelato lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica – partecipando alla trasmissione ‘Meet the press’ della Nbc. Wylie ha inoltre riferito che il suo avvocato è stato contattato dalle autorità americane, compresi gli investigatori del Congresso e del dipartimento di giustizia, e che intende cooperare con loro.   



Source link