CONDIVIDI



La nuova razza padrona incede di buon passo. Non tanto quello che l’ha condotta al Quirinale senza auto blu (abitudine antica, veramente, e non per frugalità, ma perché a piedi si fa prima), bensì il passo dell’oca dell’irruzione in scena. Basterebbe la foto della delegazione del Pd, spolverini blu, vestiti blu, cravatte blu, guidata dal segretario reggente Maurizio Martina, bergamasco neanche quarantenne che, quando si iniziò la legislatura scorsa, nessuno sapeva chi fosse. Si indagò alla nomina (governo Letta) a ministro dell’Agricoltura; una scelta che aveva il gusto di un omaggio al giovanilismo di cui la politica non sa più fare a meno. E poi Matteo Orfini, che cinque anni fa esordiva da parlamentare col titolo di ex portavoce di Massimo D’Alema, e Graziano Delrio che come Martina si presentò al mondo con l’ingresso nell’esecutivo di Enrico Letta. Ma la vera foto della nuova razza padrona è naturalmente quella dei ragazzi del Movimento, pubblicata sulla prima pagina del Manifesto con un titolo geniale: «Coalizione al sacco». A parte il sempre azzimato Luigi Di Maio, una sfilata di sneakers, di cravatte allentate, colletti slacciati. Ora Di Maio fa parte del panorama, ma quanto tempo è passato, quante cose sono cambiate dalla marcia dei grillini senza volto di cinque anni fa?  

Abbiamo preso confidenza con Danilo Toninelli nei mesi della discussione parlamentare sulla riforma della Costituzione, quando conduceva con enfasi resistenziale i cinquestelle della Camera, dall’alto della sua laurea in legge. Ora è capogruppo al Senato, e accompagna Di Maio insieme con Giulia Grillo, equivalente a Montecitorio, promossa per affinità elettive col capo e per una tendenza a non vedere scie chimiche né invasioni di sirene (è persino favorevole ai vaccini, sebbene non alla loro obbligatorietà). Insomma, serviva quel minimo di contegno che è anche di Riccardo Fraccaro (quasi sempre), attendente del candidato premier, in cui ci si imbatté nel giorno della rielezione di Giorgio Napolitano, che cadde il 20 di aprile, e Fraccaro trovò una coincidenza non così casuale con la data di nascita di Itler (scritto così, senza acca). 

Non si dice che a Sergio Mattarella saranno servite le foto segnaletiche (non vorremmo passasse per un’allusione all’onestà della nuova razza padrona), ma insomma. E per assurdo non gli sono servite di certo per riconoscere Silvio Berlusconi, l’unico leader storico tornato al cospetto del Presidente della Repubblica, e nonostante la condanna passata in giudicato (a proposito di foto segnaletiche), e le conseguenze della legge Severino che lo escludono da cariche pubbliche. Era accompagnato da Mariastella Gelmini e Anna Maria Bernini, due ragazze con alcune legislature alle spalle, per cui almeno loro si meritano la qualifica di veterane. 

Ma, insomma, questa classe dirigente pare davvero piombata dal cielo per combinazione astrale. I presidenti delle camere arrivano da dorate retrovie, e cioè Maria Elisabetta Casellati, salita sui pendii di qualche notorietà ai tempi di Ruby Rubacuori e di zio Mubarak, quando si batteva coraggiosamente in una trasmissione e nell’altra per l’onorabilità di Berlusconi. Oppure arrivano dalle praterie del clic, ed è il caso di Roberto Fico, che come Di Maio s’è fatto un nome nell’ultimo lustro. Ci avessero fatto vedere queste foto cinque anni fa, saremmo cascati dalla sedia. Gianmarco Centinaio è stato confermato capogruppo al Senato della Lega, carica che ottenne nella scorsa legislatura quando il suo era un partitino del quattro per cento. Giancarlo Giorgetti, alla testa di centoventicinque deputati dopo sei legislature vissute nel vivo, ma sempre un passo indietro, ha ormai l’aria del raffinato stratega, e considerato il mucchio lo è senz’altro. E allora Matteo Salvini, quasi un reduce della politica per costanza televisiva, sembra davvero un vecchio compare invece che l’imprevisto condottiero dell’intero centrodestra, blasone con cui bello tronfio è entrato al Quirinale. Ecco, di rinnovamento in rinnovamento, esigenza che ci insegue (o ci perseguita) da due decenni e mezzo come un’ambizione di catarsi, siamo arrivati a questa foto di gruppo della nuova razza padrona. Va guardata e riguardata, questa foto, per il semplice motivo che qualcuno sembra non averla ancora messa bene a fuoco. 

Alcuni diritti riservati.



Source link