CONDIVIDI


(ANSA) – BOLOGNA, 31 MAR – Esce in questi giorni l’Almanacco del ciclismo 2018 (www.almanaccodelciclismo.it, Gianni Marchesini Editore). Lo storico manuale, ideato da Lamberto Righi e giunto alla 27/a edizione, è firmato dal ct azzurro, Davide Cassani, con la collaborazione di Roberto Viganò. “La partenza del 2018 non poteva essere migliore – scrive nella prefazione Cassani – perché dalla strada alla pista di italiani davanti ne abbiamo visti davvero tanti”. Nel 2017 l’Italia è al primo posto nel ranking mondiale con 15 ciclisti tra i migliori 100, ciò significa che possiamo tornare a vincere grandi classiche. Tre gli episodi più significativi del 2017, per Gianni Marchesini: il doloroso vuoto per la morte di Michele Scarponi, Peter Sagan che con il terzo mondiale consecutivo ha illuminato il ciclismo e Chris Froome, sotto inchiesta per un fatto accaduto alla Vuelta. In 480 pagine, tutti i risultati del 2017; schede; protagonisti e gare di quest’anno, tutti gli albi d’oro; Giro, Tour e Vuelta anno per anno.

29 marzo 2018
Diventa fan di Tiscali su Facebook



Source link