CONDIVIDI

Nuovo rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi nel caso Ruby Ter. Lo ha deciso il gup Maria Vicidomini, che ha mandato a processo anche 4 ‘olgettine’ nel filone con al centro i versamenti più recenti dell’ex premier alle giovani e i reati di corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza. Il processo inizierà il prossimo 9 maggio. Il leader di FI è già processo a Milano con altri 23 imputati nel filone principale.In mattinata il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio avevano chiesto al gip Maria Vicedomini i rinvii a giudizio nell’ambito di uno dei filoni del processo ‘Ruby Ter’, quello che riguarda i versamenti effettuati dal Cavaliere a Aris Espinosa, Elisa Toti, Giovanna Rigato e Miriam Loddo. L’ipotesi della Procura è che, in cambio di 400mila euro e di altre utilità, le ragazze avrebbero edulcorato le loro testimonianze ai processi del ‘Rubygate’.”In nessun altro caso avremmo accettato a cuor leggero che un imputato pagasse i testimoni e con così tanti soldi, e non possiamo accettarlo nemmeno in questo caso”.E’ con queste parole che, in sostanza, il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio hanno chiesto nell’udienza a porte chiuse il rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi.Il gip Vicedomini ha anche respinto la richiesta di Giovanna Rigato di essere giudicata con il rito abbreviato, condizionato dalla possibilità di sentire in udienza Francesco Cipriani, al momento in Honduras per partecipare all’Isola dei Famosi, e di un manager di Mediaset



Source link