CONDIVIDI



A Foggia un’operazione anti-terrorismo congiunta, della Digos e della Guardia di finanza, coordinata dalla Direzione Distrettuale antimafia, ha portato all’arresto di un uomo di origine egiziana accusato di fare parte dell’Isis. Il presunto terrorista ha cittadinanza italiana, 58 anni, ed è sposato con una donna italiana. Durante l’operazione è stata anche perquisita la sede di un’associazione culturale a Foggia, «Al Dawa», di cui l’uomo era il presidente, e sono stati sequestrati i conti correnti. 

L’uomo, che teneva lezioni di religione ai bambini del cento culturale islamico di Foggia, sarebbe stato incastrato da alcune pubblicazioni Internet e da riscontri investigativi. In totale sono state tre le perquisizioni, personali e domiciliari, eseguite all’alba dalla Polizia. 

I reati contestati sono partecipazione all’associazione terroristica denominata Isis/Daesh e apologia dell’associazione terroristica, aggravata dall’uso di mezzi informatici. Il Gico della Guardia di Finanza di Bari ha proceduto all’esecuzione del decreto di sequestro preventivo urgente della sede dell’associazione «Al Dawa» oltre ai conti correnti dell’arrestato. I particolari dell’operazione denominata «Bad teacher» saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa in programma questa mattina presso gli Uffici della Procura Distrettuale. 

Alcuni diritti riservati.



Source link