CONDIVIDI

La cattura di Carles Puigdemont in Germania è stata un’operazione dei servizi segreti spagnoli. Il Cni, l’intelligence di Madrid, aveva mobilitato un gruppo di dodici agenti per seguire l’ex presidente catalano da Bruxelles a Helsinki, in Finlandia, dove la settimana scorsa ha partecipato a un incontro all’Università.Nella capitale finlandese gli agenti avevano collocato un localizzatore satellitare nell’auto di Puigdemont che, da quando ha lasciato la Finlandia è stato sempre sotto il controllo dei servizi. Puigdemont ha raggiunto prima la Danimarca in traghetto e poi, in auto, è arrivato alla frontiera con la Germania. Qui gli agenti spagnoli hanno deciso di agire avvisando i colleghi tedeschi che hanno allertato la polizia e fatto arrestare Puigdemont sull’autostrada mentre si dirigeva verso il Belgio per tornare nella casa che aveva preso in affitto a Waterloo.All’operazione hanno preso parte anche altri servizi europei ma gli spagnoli non hanno rivelato quali. L’intelligence di Madrid ha giustificato la sua partecipazione nella cattura di Puigdemont affermando che la sua missione è “neutralizzare le minacce contro l’integrità nazionale, la sicurezza e lo Stato”. La macchina con cui viaggiava Puigdemont era un Renault Espace con targa belga. La stessa vettura con cui era partito da Bruxelles per arrivare in Finlandia. Insieme a Puigdemont nell’auto c’erano quattro persone che non sono state identificate.Un giudice del Land tedesco di Schleswig-Holstein, nel pomeriggio, ha a lungo interrogato l’ex presidente catalano e ha deciso di confermare il carcere preventivo  in attesa dell’estradizione. Per definire l’estradizione in Spagna, secondo la magistratura tedesca, saranno necessari da dieci a sessanta giorni. La velocità del provvedimento dipenderà dalla difesa dell’imputato e da se questo accetta o no l’estradizione.



Source link