CONDIVIDI



Le aziende italiane mietono successi nel mondo nel comparto dell’ingegneria applicata all’energia. Nello stesso giorno in cui Saipem firma un mega-contratto in Oman, il gruppo Maire Tecnimont, attraverso le controllate Tecnimont e Tecnimont Russia, si aggiudica in Russia un progetto nella raffinazione del valore di 215 milioni. Controparte è il gigante Gazprom. 

La commessa riguarda un progetto di «delayed coking unit» con una capacità di 2 milioni di tonnellate all’anno (34.500 barili al giorno). 

La raffineria di Omsk è una della più tecnologiche del Paese e fra le più grandi al mondo,con una capacità complessiva di trattamento del greggio di circa 21,3 tonnellate all’anno. Il completamento del progetto è previsto entro 29 mesi dalla data di firma. 

Alcuni diritti riservati.



Source link