CONDIVIDI

Giorgia Meloni contestata a Livorno. La leader di Fratelli d’Italia, in città per un’iniziativa elettorale, è stata oggetto di insulti, sputi e lanci di bottigliette da parte di manifestanti appartenenti ad alcuni centri sociali. Tutto è accaduto in piazza Garibaldi, nel quartiere popolare di Sant’Andrea, durante un incontro tra Meloni e residenti e commercianti, preoccupati per il degrado e l’abbandono della zona. Alcuni manifestanti le hanno cantato “Bella ciao” e intonato cori come “Livorno è antifascista”. I contestatori hanno anche esposto un cartello con la scritta “Livorno i fascisti non li vuole. Meloni vattene!”.Livorno, sputi e insulti contro Giorgia MeloniAll’indirizzo della leader di Fdi sono partiti anche diversi sputi. Giorgia Meloni, che era circondata da esponenti del suo partito e dalle forze dell’ordine, ha accennato una sorta di balletto al ritmo dei cori, risponendo “Loro sono questi” e riprendendo i contestatori con il cellulare. Alla Fortezza nuova sono apparsi striscioni con la scritta “Livorno non ti vuole”. “Questa non è una contestazione, è un’aggressione”, il commento di Meloni.+musei-meloniMelonifascista, Livorno non ti vuole. pic.twitter.com/GV26NlCxEZ— Il dé nel deserto. (@robiotta) 13 febbraio 2018Nel pomeriggio, intorno alle 17.30, Meloni è attesa a Pontedera per un comizio elettorale sotto la sede del Comune. Comune che pochi giorni fa aveva respinto, e poi multato, la richiesta di suolo pubblico da parte di Fratelli d’Italia per un banchino. L’autorizzazione era stata negata, aveva spiegato il sindaco Pd Simone Millozzi, perché nei moduli era stata sbianchettata “la parte sul rispetto delle norme che vietano la ricostituzione del partito fascista e l’istigazione all’odio razziale”.



Source link