CONDIVIDI

Vent’anni di stipendi mai percepiti da vice-comandante dei vigili urbani, posto che non ha potuto occupare per una “svista” del comune di Cittadella (Padova). Soldi che adesso gli sono stati riconosciuti dalla giustizia amministrativa. A vincere la causa è stato un vigile urbano padovano, Orazio Camporese, che si è visto dare ragione dal Tar del Veneto dopo vent’anni di battaglie a suon di carte bollate.La decisione dei giudici amministrativi ricostruisce il caso di giustizia-lumaca iniziato nel 1995 quando Camporese partecipò al concorso per vice comandante della polizia locale a Cittadella. Arrivò secondo. Maquando, tre anni più tardi, nel 1998, il vincitore fu promosso a comandante, Camporese attese di essere chiamato per il posto di vice-comandante, rimasto vacante. Nessuno lo chiamò, perchè l’amministrazione di Cittadella non tenne conto della graduatoria, e fece un altro concorso interno. Da lì iniziò la ventennale battaglia giudiziaria. Adesso il Comune dovrà pagargli circa 400mila euro di stipendi mai ricevuti.



Source link