CONDIVIDI

Sfuma la candidatura di uno dei favoriti per il ruolo di ad della Lega Serie A. La Liga spagnola ha infatti blindato con uno stipendio da 1,2 milioni di euro e una clausola anticoncorrenza il proprio presidente, Javier Tebas. L’assemblea de LaLiga, composta dai 40 club dei primi due campionati spagnoli, ha infatti approvato la modifica dello stipendio del presidente, quadruplicato rispetto a quando nel 2013 Tebas salì al vertice, con bonus fino a 250 mila euro. Il manager continuerà a incassare l’ingaggio che è garantito anche nei nove mesi successivi all’eventuale fine del rapporto di lavoro, a patto che non si leghi ad altri campionati, come riferiscono i media spagnoli, secondo cui hanno votato contro la delibera cinque squadre, fra cui Real, Atletico Madrid e Celta. Sami Kahale, ex Procter & Gamble, e Luigi De Siervo, ora ad di Infront, sono gli altri candidati forti per il ruolo di ad della Lega Serie A, che da nove mesi è senza vertici e ora è commissariata dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, impegnato in questi giorni in Corea per i Giochi invernali. Formalmente resta convocata alle 11 di domani l’assemblea con all’ordine del giorno l’elezione delle cariche, ma non ci sarà il numero legale per costituirla, perché un gruppo di società nei giorni scorsi ha informato la Lega che non si presenterà. L’appuntamento con il rinnovo della governance è destinato quindi a slittare ancora.
© RIPRODUZIONE RISERVATA



Source link