CONDIVIDI

«Quando sono sceso in politica avevo immaginato che me ne avrebbero fatte tante, ma ne hanno fatte molto di più: ho avuto una sola condanna criminale, che tra l’altro non è da crederci e fatta per escludermi dalla politica e rendermi incandidabile. Io sono stato abituato a resistere, a tutte le infamie, tutte le falsità come il bunga bunga, per fortuna ora si inizia a capire che erano tutte balle. Ho mantenuto un rapporto di grande fiducia con gli italiani e sono ancora il leader in testa». Lo ha detto Silvio Berlusconi nel corso dell’incontro organizzato da Confcommercio in vista delle elezioni.Il M5S mostra una «incapacità assoluta di governare e se pensiamo a Di Maio presidente del Consiglio è una barzelletta: non ha mai fatto nulla e non si può pensare che sia lui a prendere le redini. Ci deve essere un altro dietro e abbiamo ragione di ritenere che sia uno dei magistrati più spinti» e che quindi se i 5S vincessero sarà «il nostro presidente del Consiglio», ha detto ancora Berlusconi.«Il Pd è uscito dalla competizione ma non è solo colpa di Renzi, accade anche in Europa – ha continuato il leader di FI – Noi come centrodestra siamo di fronte al M5S: non è un movimento politico, non è un partito democratico è una setta che prende ordini da un vecchio capo di Genova e un altro socio, e oggi c’è il figlio. Hanno come regola di comportamento l’opportunità politica e poi sono tutte persone che non hanno saputo fare niente per sé e per la propria famiglia, non hanno mai lavorato, tutto dettato dall’invidia sociale verso tutti quelli che sono ricchi». Berlusconi ha quindi sottolineato di «essere sceso in campo per impedire che il M5S vinca».«Nell’ultimo sondaggio Renzi è sceso al 20% e quindi non ha nessuna possibilità di portare voti al suo partito», ha detto ancora Berlusconi, ribadendo che «il Pd si è tolto da solo di mezzo per le divisioni interne, Renzi ha avuto il merito di tenersi lontano dalle ideologie comuniste ma non ha saputo tenere insieme il suo partito».



Source link