CONDIVIDI

Il campo di concentramento di Auschwitz (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 01/02/2018 08:51
Approvato dal Senato polacco il disegno di legge che vieta di parlare di ‘lager polacchi’. Lo riporta l’agenzia di stampa PAP, ricordando che il provvedimento, approvato dalla Camera bassa la settimana scorsa e che ora dovrà essere firmato dal presidente, aveva sollevato un’ondata di critiche in Israele, al punto da essere definito dal premier Benjamin Netanyahu “un tentativo di riscrivere la storia”.
La legge prevede ammende o pene di reclusione fino a tre anni per chiunque definisca i lager nazisti in Polonia “campi di sterminio polacchi”.
IL GOVERNO – Per il Partito di governo ‘Diritto e Giustizia’, il provvedimento ha il solo scopo di difendere la reputazione del Paese e impedire l’uso di formulazioni non corrette per descrivere la sua storia, ma da molti la legge è vista come strumento utilizzabile per negare casi di complicità da parte polacca in crimini di guerra.
Il presidente del Senato, Stanislaw Karczewski, ha assicurato l’intenzione del Paese di portare avanti il dialogo con Israele e spiegare cosa abbia motivato la messa a punto della legge.
INDIGNAZIONE – Ma Israele ha accolto con indignazione l’approvazione, considerando “della massima gravità ogni tentativo di mettere in dubbio la verità storica. Nessuna legge cambierà i fatti”, ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Emmanuel Nahshon, mentre il ministro per l’Intelligence Yisrael Katz ha chiesto il richiamo dell’ambasciatore a Varsavia, scrive il sito di Haaretz.
L’indignazione è condivisa anche dall’opposizione. Secondo l’ex ministro degli Esteri Tzipi Livni di Unione Sionista, la legge è “un doppio sputo in faccia ad Israele, sia come nazione del popolo ebraico che contro il primo ministro che ha detto di aver raggiunto un accordo con i polacchi”. “Israele – ha aggiunto – deve rispondere con fermezza e porre immediatamente in agenda la documentazione dei crimini dei polacchi durante l’Olocausto”.



Source link