CONDIVIDI

MACERATA – Si chiama Innocent (una beffa), Innocent Oseghale, lo spacciatore nigeriano di 29 anni fermato dai carabinieri del comando provinciale di Macerata per l’orrendo omicidio di Pamela Mastropietro, la18enne romana il cui cadavere orrendamente mutilato è stato rinvenuto ieri mattina in due trolley lungo una strada di campagna nei pressi di Pollenza.Contro di lui prove inoppugnabili, i vestiti sporchi di sangue di Pamela trovati nell’appartamento di Via Spalato 124 a Macerata, li dove nella tarda mattinata di martedi scorso si perdevano le tracce della ragazza, ripresa in un video dalla telecamera di una farmacia poco distante mentre cammina seguita a breve distanza dall’immigrato. In quella farmacia, Pamela Mastropietro, fuggita dalla comunità terapeutica Pars di Corridonia, dove era ospite da alcuni mesi, nel tentativo di disintossicarsi dalla sua tossicodipendenza, era entrata per acquistare una siringa che evidentemente le serviva per iniettarsi la droga che Oseghale, uno degli spacciatori nigeriani attivi nella piazza di Macerata, le avrebbe procurato. Il momento in cui i carabinieri portano via il fermatoCondividi  



Source link