CONDIVIDI



Dal Piemonte alla Campania, passando per le Marche, il Carnevale si conferma una delle ricorrenze più sentite a ogni latitudine: e così sarà festa grande nel weekend a Borgosesia, Fano e Palma Campania. Nel Vercellese sono in programma giornate davvero imperdibili tra divertenti novità, ospiti d’eccezione – Cristina D’Avena, Selen e Dario Ballantini – e il consueto “menù” fatto di sfilate di carri allegorici, degustazioni enogastronomiche, veglioni, bande musicali e momenti dedicati ai più piccoli, il tutto all’insegna dell’accesa rivalità fra i cinque Rioni di Borgosesia per la conquista dell’ambito Palio.
Sabato 3 febbraio con “Oggi vesto come mi pare”, cittadini e visitatori potranno indossare gli abiti più stravaganti fra aperitivi, cene e veglioni in maschera e animazioni per bambini; nella stessa giornata, partecipando ad “A Spass par al Borg”, verranno accompagnati alla scoperta della storia di alcuni luoghi significativi di Borgosesia degustando lungo il percorso vini e prodotti tipici, mentre l’intensa giornata si chiuderà con il Veglionissimo Mascherato. Domenica 4 sarà invece la volta del “Corso Mascherato” con carri allegorici, mascherate a piedi, bande musicali, majorettes e gruppi folcloristici; e ci sarà spazio anche per la buona cucina: nei veglioni e nei pranzi in piazza saranno proposti menù a tema a partire dalla “busecca”, il piatto fatto di brodo di verdure e trippa tipico del periodo carnevalesco.
Appuntamento per il carnevale di Fano

Anche a Fano, l’elegante città fortificata marchigiana in provincia di Pesaro e Urbino ricca di storia e di monumenti, il Carnevale rappresenta “la” festa per eccellenza dell’anno; si tratta di una ricorrenza dalle origini antichissime che – narra la leggenda – sarebbe nata proprio qui nel 1347, per celebrare la riconciliazione della famiglia guelfa del Cassero con quella ghibellina dei Carignano. Il 4 febbraiotornerà l’atteso appuntamento con il “Corso Mascherato” e con il tradizionale “getto”, ovvero il lancio di cioccolatini e caramelle ai bambini durante le sfilate; colonna sonora della festa sarà la musica arabita, con la banda che utilizzerà strumenti ricavati da oggetti di uso comune, come latte e lattine, caffettiere, coperchi e brocche.
Alla scoperta delle antiche tradizioni di Napoli
Riscendendo la Penisola fino alla provincia di Napoli, il 4 febbraio a Palma Campania andrà in scena un irresistibile mix fra arte, spettacolo, teatralità, passione, tradizione, canto, suoni, percussioni, ballo e coreografie. Le Quadriglie sono gruppi folkloristici composti da centinaia di figuranti che indossano costumi curatissimi, sulla base di un tema scelto annualmente, e che suonano strumenti della tradizione partenopea: triccheballacche, tamburelle, scetavajasse, putipů, acciarini e campanacci. Ogni quadriglia è diretta da un maestro, che ha un ruolo talmente importante che in piazza sono affisse delle formelle di ceramica a forma di stella, ciascuna delle quali porta inciso il nome di ogni maestro di quadriglia degli ultimi 100 anni.

1 febbraio 2018
Diventa fan di Tiscali su Facebook



Source link