CONDIVIDI

(ANSA) – ROMA, 7 DIC – La partita inaugurale dell'Europeo 2020 assegnata a Roma "è un riconoscimento al grande lavoro internazionale fatto dall'Italia in questo ultimo anno". Così il direttore generale della Figc, Michele Uva, commenta con l'Ansa la scelta dell'Olimpico di Roma per ospitare il match d'esordio dell'Europeo di calcio del 2020, il torneo continentale la cui fase finale avrà luogo in 13 distinte città europee.
"Abbiamo avuto l'Europeo Under 21 (la 22ma edizione si svolgerà in Italia e San Marino dal 16 al 30 giugno 2019, ndr), un torneo che sta crescendo sempre di più, e prima ancora l'Europeo Under 20. Adesso ospiteremo la gara d'apertura che è seconda come importanza solo alla finale: apre l'Olimpico e chiude Wembley", aggiunge Uva che riconosce il "grande lavoro interno fatto con Evelina Christillin e Andrea Agnelli. Sono stati bravi, abbiamo lavorato di squadra e questo è un grande segnale di credibilità per il sistema calcio italiano costruito in questo ultimo anno".

Articolo Originale

Rispondi