CONDIVIDI

Articolo tratto dall'edizione in edicola il giorno 15/11/2017.

E adesso nel mirino c’è anche la glicemia

Alla base del diabete, è uno degli elementi chiave per il rischio delle malattie cardiovascolari

Così come è successo per i valori limite della pressione e del colesterolo, presto gli Usa potrebbero rivedere i limiti massimi della glicemia post-prandiale, adeguandoli ai parametri indicati già nelle nostre linee guida diabetologiche. Sempre nell’ottica di ridurre l’incidenza e la mortalità delle malattie cardiovascolari. «Mentre non ci sono differenze sostanziali tra gli Usa e l’Italia per quanto riguarda i valori della glicemia a digiuno, che in entrambi i Paesi non deve superare il valor…continuaArticolo Originale

Rispondi