CONDIVIDI

Lanci di uova, verdura e fumogeni contro palazzo Turati a Milano, sede della Camera di commercio, in via Meravigli, durante il corteo degli studenti contro l'alternanza Scuola – Lavoro. Alcuni incappucciati hanno imbrattato anche con vernice colorata l'ingresso del palazzo. In precedenza un gruppo di studenti aveva preso di mira il McDonald's di piazza Cantore, le cui vetrine sono state oggetto di lancio di uova, oltre alla sede di Edison. Sarebbero studenti anche gli autori dell'imbrattamento della sede del Partito Democratico di questa mattina in corso Garibaldi, a Milano. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, infatti, si tratterebbe di un gruppetto staccatosi dal corteo degli studenti partiti in largo Cairoli. Hanno acceso due fumogeni, sparso due pacchi di farina (inizialmente scambiati per il contenuto di estintori) e scritto con lo spray rosso 'Nemici di studenti e lavoratorì.

Gli studenti sono scesi in piazza in tutta Italia per il primo sciopero contro l'alternanza scuola-lavoro. Convocato dall'Unione degli studenti, sono in programma manifestazioni in 70 città italiane. Gli studenti indosseano tute blu contro lo sfruttamento e per un'alternanza di qualità. In piazza anche gli universitari di Link contro i tirocini-sfruttamento.

Roma. Il corteo degli studenti, partito dalla Piramide Cestia, ha raggiunto il Ministero della Pubblica Istruzione al grido di «Se non cambierà, lotta dura sarà». Un cordone delle forze dell'ordine è schierato all'entrata del palazzo. «Una nostra delegazione sarà ricevuta al ministero – spiegano dall'Unione degli Studenti – e illustrerà le ragioni del nostro corteo che si conclude qui». Al momento, a causa della manifestazione, si registrano forti disagi al traffico su viale Trastevere. «Contro la scuola dei padroni, 10, 100, 1000 occupazioni», hanno continuato a gridare gli studenti delle scuole superiori romane che oggi sono scesi in piazza per protestare contro la «buona scuola» e «l'alternanza scuola-lavoro». Lo striscione esposto davanti al Ministero recita: «Generazione ribelle per cambiare la scuola».

«Oggi abbiamo convocato il primo sciopero dell'alternanza scuola lavoro. Chiediamo al ministero dell'istruzione che fine abbia fatto lo statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza scuola- lavoro e il codice etico per le aziende? Siamo stanchi di aspettare!», dichiara Francesca Picci, Coordinatrice nazionale dell'Unione degli studenti – «Come studenti viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di alternanza scuola- lavoro, noi siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende».

Palermo. Scontri tra studenti e polizia davanti al McDonald in piazza Castelnuovo a Palermo dove è stato attuato un sit in di un gruppo di studenti, non autorizzato, nell'ambito della protesta «contro le politiche predatorie del governo». Due giovani sono stati fermati e ma rilasciati subito dopo. La protesta è «contro il sistema dell'alternanza scuola lavoro, che spinge i giovani a lavorare dentro le multinazionali a titolo totalmente gratuito». Secondo gli studenti i «tirocini al McDonald non sono formativi, sono solo sfruttamento».​

L'alternanza scuola-lavoro «è un'innovazione didattica importante» e offre agli studenti «la possibilità di acquisire competenze trasversali»; anche per questo «come Ministero, lavoriamo per elevare ulteriormente la qualità dei percorsi offerti» e «garantiamo il massimo impegno e anche la massima fermezza di intervento in caso di situazioni in cui il patto formativo che sta alla base dell'alternanza sia violato, impedendo a studentesse e studenti di fare un percorso significativo, innovativo e di qualità». Nel giorno della protesta degli studenti la ministra Fedeli assicura «un costante monitoraggio e controllo» sull'attuazione dei percorsi finiti nel mirino degli studenti perché – concorda – «la qualità formativa è decisiva». La ministra annuncia quindi per il 16 dicembre gli Stati Generali dell'alternanza «con tutti gli attori in campo, a partire dai rappresentanti delle ragazze e dei ragazzi».

Articolo Originale

Rispondi