CONDIVIDI

«Iniziative clamorose, mai viste in Italia dal Dopoguerra». Sì, ma quali? Dal palco sul sacro pratone di Pontida, Matteo Salvini non scioglie la suspence sapientemente alimentata per giorni. La rappresaglia per l’«esproprio proletario» della magistratura, il sequestro di tutti i conti correnti leghisti da quello della Segreteria federale in giù, come tutela per i famosi 48 milioni di fondi pubblici da restituire, forse ci sarà. Quale, per ora, non si sa. O forse non è ancora stata decisa. Segno che magari la situazione è più seria di quanto appare, e la risposta più complicata.


ANSA

Copyright ©

Altra questione rimasta in sospeso in questa Pontida un po’ irrisolta, il caso Bossi. È la prima volta che il vecchio leader non parla qui, a parte un’unica occasione in cui fu assente giustificato per malattia. Ma è anche la prima occasione in cui non viene nemmeno citato, né dai tre governatori-relatori, Tosi, Maroni e Zaia, né da Salvini. Il segretario se la cava con i ringraziamenti «per chi, prima di me, ha uidato questo popolo». Ma come si chiamasse, non lo dice. Bossi però c’è, si dice «abbastanza» arrabbiato per l’esclusione dalla scaletta degli interventi. «Salvini – dice ai giornalisti – mi ha detto che non voleva farmi fischiare, ma è un segnale che devo andarmene via».


ANSA

Copyright ©

Per il resto, la solita Pontida. Il discorso, fluviale, di Salvini è un programma di governo, con i singoli punti sottoposti all’approvazione della folla a base di botta e risposta. Siete d’accordo, sì o no? E tutti: «Sì!». Una modalità di dialogo con la piazza che in Italia ha già un precedente, non finito benissimo, però. Non pervenuto Berlusconi, se non in una fugace occasione per ribadire che di accordi con i «poltronari» tipo Alfano non se ne fanno, ironie su Di Maio, il «fighetto». Anche il programma del governo a guida Salvini è quello noto. Abolizione, in pratica, di tutto quel che ha fatto il centrosinistra, dalle leggi Fiano, Mancino e Fornero alla buona scuola, stop all’immigrazione clandestina, mano libera alle forze dell’ordine. Per l’Europa «ultima chance», «o cambia o meglio liberi che mal accompagnati», e naturalmente, andate a votare ai referendum autonomisti lombardo-veneti del 22 ottobre. Il resto è il solito folklore padano. Un po’ poco, forse.


ANSA

Copyright ©

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi