CONDIVIDI

Pubblicato il: 17/09/2017 11:49

"Quando saremo al governo daremo mano libera agli uomini e alle donne delle forze dell'ordine per poterci difendere e riportare siurezza onestà e pulizia nelle nostre città". E' un passaggio dell'intervento di Matteo Salvini, nel raduno di Pontida.

"Noi stiamo con le forze dell'ordine, stiamo con chi ci difende senza 'se' e e senza mma'. Se su centinaia di migliaia di poliziotti, carabinieri, vigili del fuoco, foferstali e agenti della polizia penitenziaria ce ne sono due che sbagliano, quei due e quei due soli visto che hanno sbagliato, dovranno pagare fino in fondo -afferma-. Ma quando andiamo al governo, daremo mano libera agli uomini e alle donne delle forze dell'ordine per poterci difendere e riportare siurezza onestà e pulizia nelle nostre città".

GOVERNO – "Da oggi parte una lunga marcia per cambiare il Paese e andare al Governo", dice il segretario federale della Lega Nord. "L'anno prossimo – dice – saremo a Pontida con la Lega e il Centrodestra al Governo e con l'Italia che riparte nel nome del lavoro, della sicurezza e della democrazia. Qualche giudice che vuole fermare un partito o finire sul giornale, magari rispondendo agli ordini di qualcun altro, non può mettere il bavaglio a un milione di militanti".

A chi gli chiede come farà ora la Lega, dopo il sequestro dei conti: "Andiamo avanti senza soldi, aiutati dei cittadini. chiederemo aiuto agli italiani", spiega Salvini. Quanto a Silvio Berlusconi, "non l'ho sentito, ma in questi giorni ho parlato poco al telefono", aggiunge. E su un incontro con il leader di Forza Italia a settembre afferma: "può essere, siamo solo a metà mese".

BOSSI – Quest'anno al raduno di Pontida non ha parlato Umberto Bossi. La decisione l'ha presa il segretario federale, che precisa: "A Pontida ci siamo tutti", anche Umberto Bossi, "ma nei momenti eccezionali parla uno". Dal canto suo, il Senatur ha fatto sapere di essere "abbastanza" arrabbiato per l'esclusione dalla scaletta degli interventi. "Salvini – dice ai giornalisti – mi ha detto che non voleva farmi fischiare, ma è un segnale che devo andarmene via".

MARONI – Che Umberto Bossi non abbia parlato al raduno della Lega, "mi dispiace perché Pontida è Bossi – dice il governatore della regione Lombardia, Roberto Maroni -. La decisione l'ha presa il segretario Matteo Salvini. Per me Bossi a Pontida ha sempre diritto di parola".

VIA LEGGE FIANO E MANCINO – Parlando dal palco, Salvini annuncia che una volta al Governo, "la legge Mancino e la legge Fiano le cancelleremo, perché solo in Unione sovietica processano le idee". "Si comportano come in un regime", aggiunge.

GIUDICI ELETTI DA POPOLO – Il segretario della Lega scalda poi i suoi militanti con una proposta di legge per "giudici eletti direttamente dal popolo". "Devono solo dire 'sì o no'", dice il segretario della Lega Nord. Quanto al sequestro dei conti della Lega, il leader del Carroccio sottolinea: "Se pensano di bloccarci rubando il frutto del nostro lavoro hanno sbagliato a capire, i giudici andassero a sequestrare i conti dei mafiosi in giro per l'Italia perché qui c'è gente per bene".

BANCHE – Citando i casi di Banca Etruria e delle banche venete, Salvini commenta: "Quando andremo al Governo, qualcuno di questi banchieri, di questi signori che oggi, dopo tutto quello che è successo, vanno in giro con l'autista, andrà in galera e sono i loro conti correnti che verranno sequestrati".

VACCINI – Sulla questione dei vaccini obbligatori, Salvini afferma che "sono un regalo miliardario a qualche multinazionale" mentre "un Paese serio e un Paese libero che mette in vena dieci vaccini in poco tempo deve garantire esami gratuiti per-vaccinali". Il segretario della Lega annuncia inoltre che una volta al Governo, abolirà il decreto Lorenzin.

Rispondi