CONDIVIDI

Dura poche centinaia di metri il sogno della Ferrari di attraversare trionfalmente la notte di Singapore. Il Gran premio di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen finisce per incidente alla prima curva assieme a quello di Max Verstappen, mentre Lewis Hamilton va a vincere la terza gara consecutiva e mette le mani sul Mondiale.

Il botto innesca polemiche e scambi di accuse tra i due ferraristi e il giovanissimo irruente pilota della Red Bull, ma le riprese spartiscono sostanzialmente le responsabilità tra le Rosse. Vettel scatta dalla pole position e si sposta sulla sinistra per chiudere Verstappen. Raikkonen, che parte velocissimo dalla quarta posizione, affianca sulla sinistra Verstappen, che finisce a sandwich tra le due Ferrari. Così si innesca un incidente a catena: Verstappen tocca Raikkonen che finisce addosso al compagno di squadra. Per la prima volta nella storia della Formula 1 le due macchine del Cavallino si ritirano per un incidente tra loro.


Copyright ©

Le tre versioni

Vettel: «Sono partito abbastanza bene, poi ho visto Verstappen che arrivava. Ho cercato di chiuderlo e sono stato colpito sul fianco. Responsabilità? Non so cosa sia accaduto tra Kimi e Max». Raikkonen: «Buoni i primi cento metri, poi non ho potuto fare nulla per evitare di essere colpito. Chiedete a Verstappen cosa è successo». Verstappen: «Non capisco il comportamento di Vettel. Lui lottava per il titolo, io solo per una gara. Non è un incidente di gara, io sono stato un passeggero vittima di un’incomprensione tra le due Ferrari».


AP

Copyright ©

Mondiale lontano

Vettel sperava di tornare in testa al Mondiale nelle gara più favorevole, se torna invece a casa con 28 punti di ritardo. A questo punto solo un errore degli avversari, un ritiro, un incidente,insomma un evento eccezionale potrebbe rilanciarlo. Assieme a Hamilton, sul podio di Singapore sono saliti Daniel Ricciardo (Red Bull) e Valtteri Bottas (Mercedes), che hanno mantenuto le posizioni dal secondo giro al traguardo, malgrado tre safety car. E’ di fatto chiusa anche la sfida per il campionato costruttori, ormai vinto dalla Mercedes. Prossima tappa tra due settimane in Malesia. «Lotteremo fino all’ultima curva», promette il team principal della Ferrari Maurizio Arrivabene.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi