CONDIVIDI

I carabinieri della stazione San Cristoforo hanno arrestato un pregiudicato italiano cinquantenne, nei cui confronti erano stati emessi tre ordini di carcerazione da parte della procura di Catania, per una pena complessiva di 13 anni e sei mesi. L'uomo infatti, nella sua città di provenienza, era stato condannato per truffa e falso. Dal 2008 in poi, aveva avviato una vera e propria "azienda" che fingeva di vendere online telefoni cellulari e altro materiale elettronico. Il business era semplice: l'uomo incassava i soldi dei clienti e in cambio non inviava alcun bene.
Papa a Milano, il dono dei bambini: la Madonnina delle case popolari
Se è stato internet a rendere l'uomo ingiustamente ricco – con le truffe aveva infatti accumulato ricchezze notevoli – sempre internet lo ha fatto arrestare. L'uomo aveva infatti pubblicato su Facebook un video di se stesso durante la visita di Papa Francesco a Milano, associando al filmato il testo "il Papa èpassato davanti a casa mia!". Un'indicazione imprudente, che ha permesso ai carabinieri di identificarlo a Milano, in zona Ponte Lambro, dove Francesco è andato in visita lo scorso 25 marzo, in un complesso di case popolari.

I carabinieri hanno cominciato una serie di appostamenti nella zona mostrata nel filmato pubblicato online, fino a individuare il ricercato in un appartamento, che condivideva con la nuova compagna, nata in Romania.

Articolo Originale

Rispondi