CONDIVIDI

Può succedere, ed è successo due settimane fa, che i risultati del voto previsti da exit poll e proiezioni siano molto diverse dai dati dello spoglio in tempo reale, soprattutto nella prima fase dello scrutinio. Non è detto che sia sempre così, ma può succedere.

I RISULTATI DEL BALLOTTAGGIO IN TEMPO REALE

Il 23 maggio ad esempio, mentre i sondaggisti davano per certo il primo posto di Emmanuel Macron con circa due punti percentuali su Marine Le Pen, i primi risultati in arrivo dal ministero dell'interno francese indicavano un netto vantaggio della leader del Front National, nell'ordine anche di 5 punti percentuali nel suo massimo, pari a circa 450mila voti.

La distanza tra spoglio reale e previsioni dei sondaggisti nasce dal fatto che non tutti i risultati di un Paese arrivano insieme. Solitamente infatti i Comuni più piccoli sono i più veloci a scrutinare i propri voti e a comunicarli. A maggior ragione in Francia, dove le urne delle grandi città chiudono un'ora dopo, alle 20 invece che alle 19. Così è successo – e potrebbe succedere anche con il ballottaggio – che i piccoli comuni della provincia francese comunichino i risultati prima, sovrastimando il risultato di Le Pen.

Exit poll e proiezioni sono invece 'stime' che tengono conto di tutte le realtà del Paese e nello specifico del fatto che le grandi città sono più favorevoli a Emmanuel Macron. Nel primo turno, a Parigi e nella cintura della Capitale, Macron è stato quasi sempre il candidato più votato, mentre Le Pen si è piazzata addirittura al quarto posto. E i risultati di Parigi – che pure numericamente sono i più importanti in numeri assoluti, perché è la città più popolata – sono stati tra gli ultimi ad arrivare e hanno causato il ribaltamento del risultato a favore del candidato centrista.

Quindi può essere che i risultati dello spoglio reale diano nella prima fase un risultato più favorevole per Le Pen rispetto a quello che sarà il risultato finale. Probabilmente il gap sarà meno evidente rispetto al primo turno, e comunque questa distanza tra previsioni e risultati si ridurrà nel corso dello spoglio, se exit poll e proiezioni saranno corrette (al primo turno lo sono state).

L'ufficialità dell'elezione la darà in ogni caso solo lo spoglio, che va quindi seguito soprattutto se a sorpresa Le Pen dovesse essere ben oltre il 40% che i sondaggisti le assegnano al secondo turno.

Articolo Originale

Rispondi