CONDIVIDI

(ANSA) – TORINO, 7 MAG – "Lo spavento c'è stato, ma io ho la pellaccia dura". Paolo Sarra, il benzinaio torinese di 69 anni gambizzato da due malviventi, racconta all'ANSA la sparatoria nella quale è stato ferito da un colpo di pistola alla gamba sinistra. L'uomo, ricoverato nel reparto di Chirurgia vascolare dell'ospedale San Giovanni Bosco, è stato sottoposto ieri ad un delicato intervento chirurgico all'arteria femorale. I medici non hanno ancora sciolto la prognosi, ma le sue condizioni di salute sono in netto recupero.
"Sono entrati nel gabbiotto del mio distributore. 'Dai, dai', mi hanno detto. E poi mi hanno sparato", dice l'uomo. "Parlavano poco. Al 99% erano italiani – prosegue -. Uno era più alto, uno più basso, potrebbero essere gli stessi che a inizio maggio hanno minacciato mio figlio".
Lo scorso primo maggio il distributore di benzina, alla periferia nord del capoluogo piemontese, aveva subito un altro tentativo di rapina. In entrambi i casi sembra non sia stato portato via nulla. Indagano i carabinieri.

Articolo Originale

Rispondi