CONDIVIDI

Decine di studentesse diventate schiave degli integralisti islamici Boko Haram tornano a casa. 82 delle 276 liceali rapite il 14 aprile 2014 a Chibok, in Nigeria, sono state rilasciate. Secondo un comunicato del governo citato dalla stampa locale, il rilascio è frutto di intensi negoziati da tempo in atto tra il gruppo integralista islamico e il governo federale. In attesa di essere trasportate in aereo a Maiduguri, capoluogo dello stato federale di Borno, le ragazze si trovavano a Banki, località nigeriana al confine con il Camerun, dove sono state verificate le loro condizione di salute.

LEGGI ANCHE Boko Haram rivendica il rapimento: “Le venderemo come schiave”

Nel comunicato del governo di Abuja, la liberazione delle ragazze, tutte liceali portate via con la violenza poco più di tre anni fa dalla loro scuola dai miliziani jihadisti, è avvenuta proprio vicino alla frontiera tra la Nigeria e il Camerun. Cioè il paese nel quale i Boko Haram hanno costituito numerose basi dopo aver subito ripetuti rovesci in seguito all’offensiva scatenata dall’esercito del presidente Muhammadu Buhari, musulmano, che ha fatto della lotta all’integralismo islamico uno dei punti di forza del suo governo.

Numerose decine sono poi state liberate in questi anni a gruppi, mai numericamente così consistenti come quello di cui è stata data notizia in serata. Finora nelle mani dei Boko Haram c’erano ancora 195 prigioniere. La tragedia era stata all’origine di un movimento mondiale che chiedeva la loro liberazione, venne lanciata una campagna a lungo virale su trwitter, #bringbackourgirls.

L’organizzazione nigeriana che rappresenta le famiglie delle ragazze in nottata ha twittato che «le speranze sono grandi a proposito del numero delle giovani liberate. Speriamo che il numero più alto sia quello vero e che venga confermato». Alcune fonti di stampa infatti hanno riferito che solo 50 studentesse hanno ritrovato la libertà. Da quando hanno avviato la loro jihad contro il governo di Abuja i Boko Haram hanno ucciso oltre 20mila persone e costretto ad abbandonare i loro villaggi più di 2 milioni di persone.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi