CONDIVIDI

++ CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA PAGINA ++

35’ – Lancione di Iago Falque per Belotti in area, fermato dalla difesa bianconera.

33’ – Zappacosta crossa in area per Belotti che anticipa Bonucci, palla sul fondo.

31’ – Ripartenza Toro con Ljajic sul quale recupera Rincon.

31’ – Lichtsteiner con il destro, Hart in angolo.

30’ – Punizione Juve dalla bandierina del corner.

27’ – Cross di Cuadrado al bacio per il piede di Mandzukic che sfiora il palo.

25’ – Iago Falque riceve una palla a centro area, il tiro al volo è sporco e finisce sul fondo.

24’ – Manovra la Juve in avanti, Lichtsteiner prova il cross e ne viene fuori un tiro che finisce a lato.

20’ – Colpo di tacco di Belotti per Iago Falque: palla troppo lunga che finisce tra le braccia di Neto.

18’ – Sturaro al volo di sinistro dai 25 metri, fuori.

16’ – Rimane a terra Belotti per uno scontro di testa con Sturaro. Riprende il gioco con Cuadrado che tenta il tiro dai 30 metri, alto.

15’ – Clamorosa traversa di Benatia, poi ancora corner su tiro di Bonucci.

14’ – La palla finisce sulla barriera, poi palla in angolo.

13’ – Ammonito Moretti per un fallo di mano a pochi metri dall’area per il sinistro di Dybala.

13’ – Triangolazione Falque-Belotti che tira prontamente, ma a lato.

12’ – Ripartenza velocissima del Toro, fermata dalla difesa bianconera.

11’ – Rincon in area non arriva di un soffio alla deviazione.

10’ – Cuadrado per Lichtsteiner, il cross è in angolo.

5’ – Ritmi molto veloci, con continui cambiamenti di fronte, ma nessun pericolo per i portieri.

3’ – Subito in pressing i bianconeri, altro angolo.

2’ – Angolo Juve.

1’ – Toro con la maglia granata, Juve con la divisa bianconera. Partiti.

Stadium gremito, tra poco il fischio d’inizio.

Derby speciale questa sera allo Stadium, perchè va in scena a due giorni dal ricordo del 4 maggio e della tragedia di Superga, ma anche perché in palio c’è la storia. Da una parte la Juve per blindare il sesto scudetto consecutivo (record assoluto per la Serie A), dall’altra invece il Toro punta ad interrompere l’incredibile serie di 33 vittorie casalinghe consecutive in campionato dei bianconeri.

Ampio turn over per Allegri in vista del ritorno di Champions martedì sera contro il Monaco. Quindi in panca Pjanic, Chiellini, Alex Sandro e Higuain, così come Buffon, al suo posto Neto. Centrali di difesa Benatia e Bonucci con Lichtsteiner e Asamoah sulle fasce. A centrocampo Khedira, Rincon e Sturaro, Davanti Cuadrado, Dybala e Mandzukic.

Mihajlovic per tentare l’impresa si affida alle invenzioni di Ljajic, schierato come trequartista insieme a Iago Falque e Boyé, e ai gol di Belotti. Tra i pali Hart con Rossettini e Moretti centrali, sulle fasce Zappacosta e Molinaro. Davanti alla difesa Baselli e Acquah alla costruzione del gioco.

Arbitra il signor Valeri.

Sono 200 gli uomini in divisa, tra polizia, carabinieri e guardia di finanza, a vigilare sulla stracittadina all’esterno dello Juventus Stadium. I biglietti per la partita sono esauriti da tempo e gli spalti saranno al completo. Nel derby di andata, i granata in vantaggio di un gol sono stati prima raggiunti e poi sconfitti 3 a 1 negli ultimi minuti di gioco.

FORMAZIONE JUVE: Neto, Lichtsteiner, Benatia, Bonucci, Asamoah, Khedira, Rincon, Sturaro, Cuadrado, Dybala, Mandzukic.

Allenatore: Allegri.

Juventus XI: Neto; Lichtsteiner, Bonucci, Benatia, Asamoah; Khedira, Rincon; Cuadrado, Dybala, Sturaro; Mandzukic. #JuveTorino

— JuventusFC (@juventusfc) 6 maggio 2017

A disposizione: Buffon, Audero, Chiellini, Pjanic, Marchisio, Higuain, Alex Sandro, Mattiello, Barzagli, Lemina, Dani Alves, Mandragora.

SUBS: Buffon, Audero, Dani Alves, Barzagli, Chiellini, Alex Sandro, Mattiello, Lemina, Mandragora, Marchisio, Pjanic, Higuain. #JuveTorino

— JuventusFC (@juventusfc) 6 maggio 2017

FORMAZIONE TORO: Hart, Zappacosta, Rossettini, Moretti, Molinaro, Acquah, Baselli, Iago Falque, Ljajic, Boyé, Belotti.

Allenatore: Mihajlovic.

A disposizione: Padelli, Cucchietti, Castan, Carlao, Avelar, Barreca, Benassi, Valdifiori, Obi, Lukic, Maxi Lopez, Iturbe.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi