CONDIVIDI

ROMA – Dopo gli attacchi di al Qaeda e dell'Isis all'Occidente, la Polizia ha organizzato in questi anni un monitoraggio sulla popolazione straniera senza precedenti nella storia d'Italia. Solo nel 2016 – il dato, in linea con gli anni precedenti, è stato presentato in occasione della Festa della Polizia che oggi celebra il 165esimo anniversario dalla fondazione – le persone sottoposte a controlli antiterrorismo sono state 165 mila.

"Si tratta quasi di una attività di intelligence – spiegano al Viminale – le indagini preventive si concentrano nei porti (comprese le zone di sbarco dei migranti), nelle aree ferroviarie, presso gli info point e i money transfer, e nelle stazioni di partenza dei bus. Nel caso di un attentato, queste informazioni raccolte negli ultimi 10 anni potranno servire a ricostruire i movimenti, i contatti e gli ambienti frequentati di un potenziale terrorista, sia esso un 'lupo solitario' o affiliato a una organizzazione".

Festa della poliziaArticolo Originale

Rispondi