CONDIVIDI

Svelati i nomi dei top runners della diciassettesima edizione della EA7 Emporio Armani Milano Marathon

La telecronaca della Maratona di Milano è affidata a Nicola Roggero con il commento tecnico di Stefano Baldini e Lucilla Andreucci. Sul percorso l’ex calciatore del Milan e della Fiorentina Massimo Ambrosini racconterà ai telespettatori le sue emozioni di cronista-runner durante la Relay Marathon, gara a staffetta benefica alla quale parteciperà per raccogliere fondi per la Fondazione Milan. I protagonisti della corsa meneghina saranno intervistati da Roberto Marchesi, che raccoglierà a caldo le dichiarazioni dei campioni. Fox Sports seguirà da vicino anche la Relay Marathon e la Milano School Marathon, corsa di 2 km dedicata agli studenti delle scuole elementari e medie. Lo studio di presentazione all’interno dei Giardini Montanelli sarà condotto da Lia Capizzi.

La protagonista italiana più attesa della gara meneghina sarà la palermitana Anna Incerti, che torna a gareggiare a Milano nove anni dopo il successo nell’edizione del Novembre 2008 quando conquistò la prima vittoria in una grande maratona internazionale in 2h27’42” pochi mesi dopo il quattordicesimo posto alle Olimpiadi di Pechino. Nella sua carriera la trentasettenne siciliana ha vinto il titolo europeo di maratona a Barcellona 2010 e ha contribuito alla medaglia d’oro a squadre agli Europei di Zurigo 2014. Agli ultimi Campionati Europei di Amsterdam Incerti si è classificata quattordicesima nella mezza maratona contribuendo alla medaglia d’argento dell’Italia nella classifica a squadre. Nel 2011 ha ottenuto il miglior risultato cronometrico della sua carriera in occasione del quinto posto alla maratona di Berlino in 2h25’32”. Sempre nello stesso anno si è classificata quarta alla Maratona di Osaka in 2h27’33”. In preparazione alla Maratona di Milano Anna ha disputato due mezze maratone ottenendo un settimo posto a Barcellona in 1h12’12” e un quarto posto alla Stramilano in 1h12’35”.

Dopo le Olimpiadi di Rio de Janeiro ero delusa e avevo pensato di non correre più maratone. Mio marito Stefano Scaini (corridore di buon livello e medaglia di bronzo agli Europei di cross a livello juniores nel 2001 a Thun) mi ha convinta a continuare. In avvicinamento alla Maratona di Milano mi sono allenata con il gruppo di ugandesi del Tuscany Camp gestito da Giuseppe Giambrone. Di questo gruppo fa parte anche il campione mondiale juniores di corsa campestre Jacob Kiplimo. Con me si sono allenati anche i miei amici Stefano La Rosa e Marco Salami

ha dichiarato Anna Incerti. Oltre alla top runner siciliana sarà presente anche la veneziana Giovanna Epis, atleta dei Carabinieri che vanta un primato personale di 2h35’37 stabilito lo scorso Ottobre sul veloce percorso di Francoforte. Come Incerti, anche Epis ha disputato l’ultimo test agonistico alla Stramilano Half Marathon dove si è classificata quinta in 1h14’22”.

L’avversaria più accreditata delle top runners italiane é la keniana Vivian Jerono Kiplagat, che in carriera si è classificata terza alla maratona di Madrid in 2h42’22” ma di recente si é messa in luce migliorandosi nella mezza maratona correndo in 1h09’05” a Verbania. Potrebbero inserirsi nella lotta per il podio l’altra keniana Rose Jepchumba, terza alla maratona olandese di Enschede in 2h29’09” e le etiopi Halima Beriso Hassen (2h30’07” di personale in maratona stabilito a Chongquang nel 2015) e Waka Chaltu (terza alla maratona di Varsavia in 2h29’30” nel 2015).

Il protagonista più atteso della gara maschile sarà il veterano keniano Kenneth Mungara, che si impose a Milano due anni fa stabilendo il record mondiale master 40 con 2h08’44”, limite successivamente limato di due secondi a Gold Coast in Australia nel Luglio 2015. Mungara ha migliorato il primato master per la terza volta in occasione del terzo posto nella passata edizione della Maratona di Milano con 2h08’38” nella gara vinta dal connazionale Ernest Ngeno in 2h08’15”, il tempo più veloce su suolo italiano del 2016. Mungara iniziò a correre solo dopo aver compiuto i 30 anni seguendo l’esempio di un gruppo di runner, che frequentavano il suo negozio di barbiere. Nel corso della sua carriera Mungara vanta un primato personale di 2h07’36” stabilito a Praga nel 2011 e quattro successi consecutivi alla Maratona di Toronto tra il 2008 e il 2011.

Il gruppo dei top runners favoriti comprende il keniano Titus Ekiru, vincitore alla Maratona di Siviglia in 2h07’43” lo scorso Novembre, Reuben Kiprop Kerio, vincitore alla Maratona di Brescia in 2h09’05” e autore di un personale sulla mezza maratona di 1h01’21” a Verbania, Edwin Koech, recente vincitore alla mezza maratona di Verona in 1h00’24” e primo al debutto in maratona sempre nella città scaligera nel 2016 in 2h10’52” e Henry Chirchir, atleta in grado di scendere sotto le 2h10’ con 2h09’24” a Colonia nel 2012. Il giovane italiano di origini marocchine Yassine Rachik debutta in maratona dopo aver raccolto buoni risultati in pista come la medaglia di bronzo agli Europei Under 23 di Tallin 2015 sui 10000 metri.

Stefano La Rosa correrà la prima parte della maratona recitando il ruolo di pacemaker un mese dopo il secondo successo in carriera alla maratona di Treviso in 2h12’26”. Il grossetano cresciuto sportivamente con il tecnico Claudio Pannozzo e ora seguito da Giuseppe Giambrone al Tuscany Camp di San Rocco a Pilli vicino a Siena, vanta un record personale di 2h11’11” stabilito nel 2015 alla Maratona di Amsterdam.

Il brasiliano Giovani Dos Santos torna a correre a Milano dove lo scorso anno realizzò il record personale con 2h14’41”.

La maratona di Milano è stata vinta in quasi tutte le edizioni sotto le 2h10’ e di questo siamo molto orgogliosi. Vogliamo confermarci come la maratona più veloce in Italia. Puntiamo ad una gara veloce con un passaggio alla mezza maratona in 1h03’30”

ha dichiarato il Responsabile dei Top runners Federico Rosa. La Maratona di Milano prenderà il via alle 9.30 da Corso Venezia. Mezz’ora dopo partirà la Europ Assistance Relay Marathon con tanti campioni dello sport come l’oro olimpico di maratona di Atene 2004 Stefano Baldini, i calciatori Massimo Ambrosini, Francesco Toldo, Christian Chivu, Beppe Baresi, Ivan Cordoba e il pugile Marvin Hagler. Alle 10.10 sarà il turno degli studenti delle scuole elementari e medie che daranno vita alla Milano School Marathon di 2 km.

Abbiamo lavorato molto per rendere il percorso più veloce e fruibile. I punti di cambio delle staffette saranno più lunghi più di un chilometro, in modo da permettere al pubblico di sostenere con calore i runner

ha detto il Responsabile Mass Events RCS Sport e Direttore di Milano Marathon Andrea Trabuio. Oltre al primato nella maratona, Milano punta molto sul record di partecipanti.

Siamo contenti del numero record di partecipanti ai tre eventi della Milano Marathon. Oltre ai 6309 runners della maratona, più di 3059 staffette con 12000 corridori coinvolti prenderanno parte alla Relay Marathon. Ben 6253 bambini saranno al via della Milano School Marathon. Il nostro obiettivo è raggiungere quota 30000 iscritti e 10000 partecipanti alla maratona nei prossimi anni. Speriamo in una grande festa. Le premesse sono buone

ha dichiarato Il Direttore Generale di RCS Sport Paolo Bellino. Altra importante novità dell’edizione 2017 è Run Fast, iniziativa promozionale promossa da Athletic Elite e Fidal Lombardia. La manifestazione consiste in sfide sulla distanza dei 20 metri su una pista montata all’interno del Marahon Village per sancire il connubio tra il mondo della maratona e l’atletica in pista. I sedici migliori tempi maschili e femminili delle qualificazioni accedono al tabellone ad eliminazione diretta con ottavi, quarti, semifinali e finale.

Articolo Originale

Rispondi