CONDIVIDI

Standing ovation dell’assemblea lombarda di Liberi e Uguali quando il capogruppo alla Camera di Mdp-LeU Francesco Laforgia esclude la candidatura di Giorgio Gori e propone il nome del consigliere regionale Onorio Rosati alla presidenza della Regione per il partito. «Siamo dalla parte giusta quando fuori da qui diremo che Liberi e Uguali presenta la sua proposta per le politiche e per le regionali. Non diremo che andremo da soli e non ci faremo dire che usciamo dal centrosinistra perché il centrosinistra non esiste senza la sinistra», ha affermato.

La squadra, ha aggiunto, «ha bisogno di un volto e penso che per il suo impegno nella politica e nel sindacato e anche perché è una brava persona questa proposta può essere fatta da Onorio Rosati, che vorremo fosse il volto di questa operazione» in Lombardia.

È stato ufficializzato dunque il no a Giorgio Gori. Una porta chiusa che fa cadere l’appello lanciato in extremis da Romano Prodi all’unità del centrosinistra «almeno nelle regioni al voto».

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.Articolo Originale

Rispondi