CONDIVIDI

ROMA – Un amore folle e impossibile che non conosce ragioni.
Un uomo disposto a tutto pur di salvare il suo matrimonio e le apparenze.
SACRIFICIO D’AMORE” è un grande romanzo popolare prodotto da Mediaset per il prime time di Canale 5, 21 puntate realizzate da Endemol Shine Italy, in onda dall’8 dicembre, con Francesco Arca, Francesca Valtorta, Giorgio Lupano.

La sigla “Sacrificio d’Amore” è stata affidata a una delle voci più emozionanti del panorama musicale, Mina, un brano inedito, a cura di Massimiliano Pani e Lele Cerri.

Sacrificio d’Amore – Sinossi

“Sacrificio d’Amore” è una storia italiana in costume ambientata nel 1913, nello spettacolare paesaggio, unico al mondo, delle cave di marmo di Carrara. Dall’ultimo anno della Belle Epoque, attraverso l’inferno della Prima Guerra Mondiale, i protagonisti vivranno le loro passioni con una potenza dirompente, come l’epicità di quell’epoca straordinaria.

Sullo sfondo di rivolte sociali e lotte di classe, in un’Italia a un passo dal baratro della Prima Guerra Mondiale, due appassionanti storie d’amore e un grande sacrificio: la travolgente passione tra Brando Prizzi (Francesco Arca) giovane cavatore idealista che si batte per i diritti dei lavoratori e Silvia (Francesca Valtorta) una donna bella e emancipata, moglie di Corrado Corradi (Giorgio Lupano), ingegnere minerario, illuminato e brillante ma, al tempo stesso, legato alle tradizioni che l’epoca impone. Secondogenito di una delle famiglie più in vista di Carrara, Corrado, è il proprietario delle cave di marmo di Colonnata dove Brando lavora come lizzatore, una delle mansioni più pericolose.

L’arrivo del ciclone Brando nel mondo perfetto della famiglia Corradi, non solo stravolgerà l’esistenza di Silvia ma scardinerà i saldi pilastri dell’esistenza di suo marito. Brando Prizzi e Silvia Corradi appartengono a mondi diversi ma il sentimento che li lega, in perenne conflitto tra cuore e ragione, prevale su tutto e solo la morte potrebbe impedirlo.

Il sentimento di vendetta e rivalsa porterà Corrado a scoprire i lati più oscuri e inquietanti del suo animo, sentimenti bassi e infimi ancora inesplorati. La rivalità tra i due non sarà solo per Silvia ma tra loro inizierà una guerra sociale.

CAST

Con: Francesco Arca, Francesca Valtorta, Giorgio Lupano, Luca Bastianello, Rocco Giusti, Desirèe Noferini, Sara D’Amario, Alex Belli.

Direttore della fotografia è Claudio Bellero mentre la regia è curata da: Giovanni Barbaro, Alessandro Capone, Marco Maccaferri Fabrizio Portalupi, Michele Rovini unitamente al Direttore Artistico della serie Daniele Carnacina. Lo scenografo Maurizio Kovacs ha minuziosamente ricostruito nei 1.700 metri quadrati degli studios di Telecittà, alle porte di Torino, tutte le ambientazioni interne.
La colonna sonora è realizzata da Massimiliano Pani e Franco Serafini.
Gli splendidi costumi sono di Rosanna Monti e realizzati dallo storico laboratorio romano Annamode Costumes.

CURIOSITÀ

LA SIGLA, UN INEDITO DI MINA
La sigla “Sacrificio d’Amore” è stata affidata a una delle voci più emozionanti del panorama musicale, Mina, un brano inedito a cura di Massimiliano Pani e Lele Cerri.
Franco Serafini e Massimiliano Pani hanno firmato la colonna sonora componendo, in una prima fase più di 30 temi musicali diventati poi 75 per centinaia di arrangiamenti realizzati da un’orchestra dal vivo formata da più di 50 elementi.

Articolo Originale

Rispondi