CONDIVIDI

Il deputato repubblicano dell'Arizona Trent Franks ha annunciato le sue dimissioni a partire dal 31 gennaio in seguito ad una indagine su possibili molestie sessuali lanciata dalla commissione etica della Camera.

Franks ha affermato in una nota di non aver mai fisicamente intimidito, costretto o tentato di avere alcun contatto sessuale con alcun membro del suo staff al Congresso. La disputa – afferma il deputato – nasce da una discussione sulla maternità surrogata che ha infastidito due collaboratrici donne.

Franks è membro del gruppo ultra conservatore 'House Freedom Caucus' al Congresso. E' stato fra i deputati che ha appoggiato una legge che ritiene un crimine l'aborto nel caso in cui il feto abbia superato le 20 settimane. Franks e sua moglie hanno due figli gemelli di tre anni concepiti attraverso maternità surrogata.

Il deputato nella sua dichiarazione ha affermato che per questo aveva acquisito dimestichezza con l'iter per la maternità surrogata e che di conseguenza "sono diventato meno sensibile al l'effetto che discutere di un tema così personale e intenso possa avere sugli altri".

Articolo Originale

Rispondi