CONDIVIDI

Una botta da 5-600 milioni, «ma se si considera anche il giro d’affari indiretto si supera sicuramente il miliardo». Non sarà l’Apocalisse evocata improvvidamente dal presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio prima della disfatta, ma se la stima dell’ex numero uno del Coni Franco Carraro è corretta, il flop della Nazionale è destinato a pesare sul Pil italiano, che pure è in ripresa. Il Paese, tanto per cominciare, i mondiali in Tv senza gli azzurri non se li fila proprio. GFK…

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:

  • Accesso illimitato agli articoli selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno su PC, smartphone e tablet

SCOPRI LA PROMO

Se sei già un cliente accedi con le tue credenziali:

2017-11-14 23:50:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo Originale

Rispondi