CONDIVIDI

CON LA FINE del regno di Robert Mugabe, durato 37 anni, comincia oggi una nuova era per lo Zimbabwe. Il despota africano è stato arrestato assieme alla moglie Grace alle due del mattino, e si trova ora nelle mani dell'esercito del Paese africano. "La loro sicurezza è garantita", ha detto alla televisione un portavoce delle forze armate che stanno in queste ore di confusione proteggendo uffici governativi e strade della capitale Harare per evitare che il Paese finisca in un caos sanguinolento.

Secondo un tweet del partito del presidente, il Zanu-Pf, non si tratta di un colpo di stato bensì di una transizione incruenta: "Non c'è stato alcun golpe, solo un passaggio di poteri senza spargimento di sangue". Il tweet prosegue spiegando che "persone corrotte e disoneste" sono state arrestate e che il presidente Mugabe è stato messo in custodia perché "è un uomo anziano di cui la moglie si approfittava. Le poche esplosioni che sono state sentite nella notte sarebbero state provocate "dai disonesti che hanno resistito agli arresti, ma che sono ora detenuti".

Zimbabwe, l'esercito: "Mugabe e la sua famiglia sono al sicuro"Articolo Originale

Rispondi