CONDIVIDI

Per gli amanti del giallo romantico è finalmente in libreria l’ultima avventura di Alice Allevi, il personaggio creato da Alessia Gazzola che ha spopolato anche su Rai2.

Lo stavo aspettando, infatti sono una fan di Alessia Gazzola, e finalmente è arrivato Arabesque, la nuova avventura di Alice Allevi. Il personaggio è molto divertente e stimolante ed è stato portato sul piccolo schermo da Alessandra Mastronardi, nella fiction tv campione di ascolti “L’Allieva” andata in onda su Rai Uno l’autunno scorso.

Alice Allevi nasce dalla penna di Alessia Gazzola nel 2011, anno in cui viene pubblicato L’Allieva, il romanzo d’esordio della scrittrice messinese. Lei stessa medico legale, Alessia Gazzola attinge dalle sue esperienze professionali e crea una figura nuova ed originale nel panorama del giallo italiano: una specializzanda in medicina legale un po’ imbranata e pasticciona, ma allo stesso tempo intuitiva ed abile. Per creare Alice l’autrice si è ispirata a Bridget Jones e a Kay Scarpetta. E poi ci sono tutti gli altri personaggi che contribuiscono al successo dei romanzi di Alessia Gazzola: primo fra tutti l’affascinante Claudio Conforti, ricercatore e diretto superiore di Alice e la temibile professoressa Valeria Boschi che non ha proprio una simpatia per l’aspirante anatomopatologa.

A sei anni dal suo ingresso nell’Istituto di Medicina Legale, e dopo 800.000 copie vendute in Italia, Alice Allevi nel nuovo romanzo è finalmente un medico legale a tutti gli effetti. Il primo incarico che le viene affidato sembra un caso semplice: una donna di quarantacinque anni, un tempo étoile della Scala e oggi proprietaria di una scuola di danza, sembra deceduta per cause naturali. Ma Alice non è convinta di ciò che appare e decide di indagare sempre più a fondo. Inizia così a scoprire inquietanti segreti nel passato della donna, legati all’universo del balletto classico, un mondo tanto affascinante quanto spietato e competitivo, in cui domina la ricerca ossessiva della perfezione.
E non aggiungo altro, ma per incuriosirvi un po’, ecco l’incipit:

Le luci si spengono tutte nello stesso istante. Solo il palco resta illuminato, lei è accecata dai riflettori e non vede più quella platea, vuota fino a un attimo prima. C’è solo Madame, con la sua solita aria imperturbabile. Deve dare il meglio di sé, non capiterà una seconda occasione. Le note dal pianoforte si spargono nel teatro, rassicuranti. È Debussy…

Chi è Alessia Gazzola
Medico chirurgo specialista in medicina legale, è nata nel 1982 a Messina. Ha esordito nella narrativa con il romanzo L’allieva (Longanesi 2011), che ha fatto conoscere e amare al pubblico italiano – e a quello dei principali Paesi europei dove è uscito – un nuovo e accattivante personaggio, Alice Allevi. Alice è ancora al centro del secondo romanzo, Un segreto non è per sempre, del prequel Sindrome da cuore in sospeso (entrambi usciti presso Longanesi nel 2012), del terzo romanzo, Le ossa della principessa (Longanesi 2014), di Una lunga estate crudele (Longanesi 2015) e Un po’ di follia in primavera (2016).

Questo articolo è stato pubblicato quiArticolo Originale

Rispondi