CONDIVIDI

Scuola: alternanza lavoro, studenti in piazza in 70 citta'

Studenti in piazza oggi in 70 citta' italiane, per protestare contro le modalita' con cui viene gestita l'alternanza scuola-lavoro. Si tratta del primo sciopero convocato contro questo tipo di offerta formativa. I ragazzi, spiegano le organizzazioni Rete della Conoscenza Unione degli Studenti, Link coordinamento Universita', indosseranno tute blu contro lo sfruttamento chiedendo una alternanza di qualita'. In piazza ci saranno anche gli universitari di Link contro i tirocini – sfruttamento. "Oggi- ha dichiarato Francesca Picci, Coordinatrice nazionale dell'Unione degli studenti – abbiamo convocato il primo sciopero dell'alternanza scuola lavoro. Al Ministero dell'istruzione chiediamo che fine abbia fatto lo statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza scuola – lavoro e il codice etico per le aziende. Siamo stanchi di aspettare! – Come studenti viviamo sulla nostra pelle i disagi di questo modello di alternanza scuola – lavoro, noi siamo studenti, non merce nelle mani delle aziende."

Secondo il coordinatore nazionale di Link Coordinamento Universitario Andrea Torti, "Anche gli universitari scenderanno per denunciare i tirocini – sfruttamento. Siamo stanchi di vedere i nostri percorsi di studi degradati a manodopera a basso costo per enti, privati e impres. Con la campagna Formazione Precaria abbiamo lanciato un'inchiesta, con lo scopo di portare alla luce lo sfruttamento che gli studenti e le studentesse vivono nei loro percorsi accademici." Per Martina Carpani, coordinatrice nazionale di Rete della Conoscenza, "Il Governo deve stanziare maggiori risorse in Istruzione e Ricerca. Le risorse regalate alle aziende con gli sgravi fiscali vanno invece investite per un'istruzione gratuita e di qualita'. La scuola e l'universita' non devono essere asservite al profitto degli sfruttatori, semmai devono cambiare il mondo del lavoro. L'istruzione deve essere garantita a tutte e tutti abolendo il numero chiuso all'universita' e istituendo il reddito di formazione universale".

Articolo Originale

Rispondi