CONDIVIDI

Proposta interessante di Boateng, da sempre impegnato nella lotta contro il razzismo: il ghanese vuole che venga utilizzata la prova tv per diffidare i tifosi.

Una proposta per ottenere una svolta. Da troppo tempo le varie federazioni, così come la Uefa, combattono il razzismo senza ottenere grandi risultati. I settori vengono chiusi, punendo anche tifosi innocenti o, in casi estremi, perfino assenti nel giorno della partita nella quale si sentono quei fastidiosi “buuu” nei confronti dei giocatori di colore.

Una sconfitta per tutti. Per la civiltà in primis, ma anche per le società coinvolte e per quei tifosi che con i “buuu” non c’entrano. Sono anni che si cercano soluzioni, ma non se ne viene a capo. Ora la proposta arriva da Kevin-Prince Boateng[1], da sempre molto attivo nella lotta al razzismo.

Nato da padre ghanese e madre tedesca, fin da piccolo si è spesso sentito discriminato a causa del colore della sua pelle. Ai tempi del Milan lasciò il campo durante un’amichevole con la Pro Patria perché i tifosi gli stavano rivolgendo insulti razziali. Non lo ha accettato e se ne è andato. Eppure la Corte d'Appello del tribunale di Milano assolse i sei imputati dopo la condanna in primo grado. Il fatto non sussisteva.

Boateng combatte il razzismo: vuole la VAR per le diffide

Ma Boateng non smette di combattere il razzismo, anzi. In estate ha lasciato il Las Palmas per tornare in Germania, questa volta all’Eintracht Francoforte. Intervistato da Focus l’ex milanista ha lanciato una proposta molto interessante:

Perché non utilizziamo un sistema tipo la Var[2] per identificare i tifosi che urlano offese razziste, in modo da diffidarli e non farli entrare mai più negli stadi? Ormai con la tecnologia vediamo tutto. Ci sono sempre casi di razzismo. Sono cose che semplicemente non devono più capitare. Non esistono uomini di prima o di seconda classe, bianco o nero non cambia nulla. Vorrei che il messaggio arrivasse a tutti.

Vota anche tu!

Ti piace l'idea di Boateng?

No

Ti piace l'idea di Boateng?

In Germania i filmati vengono già utilizzati per identificare i tifosi che partecipano agli scontri o che accendono fumogeni. Per questo l’idea di Boateng[3] è interessante. Una proposta per ottenere una svolta.

References

  1. ^ Kevin Prince Boateng (www.foxsports.it)
  2. ^ Liga, arriva la VAR: sbarcherà in Spagna nel 2019/20 (www.foxsports.it)
  3. ^ Bundesliga, Boateng: "Sono un esempio per i giocatori più giovani" (www.foxsports.it)

Articolo Originale

Rispondi