CONDIVIDI

Pellegrini: Con il Napoli ci sarò

Il centrocampista della Roma e della Naizonale, Lorenzo Pellegrini

Pubblicato il: 12/10/2017 16:51

"Il dolore al polpaccio? Abbiamo lavorato molto bene questi giorni, da oggi sono rientrato con il gruppo, il dolore è sparito e sarò a disposizione per sabato, sono contento perché era questo l'obbiettivo. Mi è dispiaciuto molto non giocare con la Nazionale ma con quel dolore non era possibile farcela". Il centrocampista della Roma, Lorenzo Pellegrini, grande protagonista di questo inizio di stagione giallorossa, si dice recuperato per la sfida di sabato con il Napoli dopo il problema al polpaccio che lo ha costretto a saltare le gare con la Nazionale.

Alla sfida contro la squadra di Maurizio Sarri, la Roma arriva con delle certezze. "Scendiamo in campo con delle certezze ben precise. Siamo una squadra, mi sento di dire un bel gruppo, in cui si può continuare a lavorare e crescere. Sabato ci aspetta una partita importante, è uno scontro diretto per i primi posti -ha sottolineato Pellegrini a Sky-. Il Napoli sta facendo benissimo, noi stiamo facendo bene, abbiamo fatto un bell’inizio. Dobbiamo continuare così per vincere contro il Napoli e per affrontare la partita di Champions contro il Chelsea".

Pellegrini ha segnato il suo primo gol in Serie A in Samp-Sassuolo a Montella e ora si tiene in serbo il primo con la Roma per sabato. "E' un momento che rimarrà impresso nella mente per sempre. Sono date che si ricordano per tutta la carriera. E’ stato bellissimo, anche più dell'esordio, erano le prime partite che facevo. Poi ho avuto un po' di continuità, sentivo che andava sempre meglio e il gol per tutti i giocatori è sempre eccezionale, e figuriamoci il primo in A, è bellissimo….Il primo con la Roma per sabato? Speriamo, perché è all'Olimpico. Mi piacerebbe segnare il primo a casa nostra, ma quando arriva arriva. Io ci provo sempre".

Per il giovane centrocampista giallorosso molto ha rappresentato il tecnico Eusebio Di Francesco, che ha avuto prima al Sassuolo e ora alla Roma. "Il mister da subito è stato importantissimo, mi ha aiutato molto a farmi capire questo tipo di mentalità, questo modo di ragionare, cercando di farmi capire che non bisogna mai accontentarsi. Bisogna sempre lavorare per fare meglio il giorno dopo. E’ stato e continua ad essere molto importante per la mia carriera e la mia crescita. Lui come tutto lo staff".

Articolo Originale

Rispondi