CONDIVIDI

In una mano la cozza, nell'altra un pomodorino. Pronto a mandar giù il mitile, si concede volontariamente (sorride soddisfatto) all'amico fotografo e poi posterà la goliardica immagine a Facebook. Senza sospettare che un'operazione del genere può costar cara. E questo per un piccolo ma fondamentale particolare: l'uomo in foto, postato sul social, è un infermiere del Cardarelli.

Accanto a lui (rigorosamente in camice bianco) ci sono gli attrezzi del suo secondo mestiere (il cuoco): fornellino da campo, scolapasta, pentole e posate. Dietro i classici armadietti-guardaroba degli ospedali. A divulgare la foto e a chiedere provvedimenti è ancora una volta Francesco Emilio Borrelli. Il consigliere regionale dei Verdi ha subito avvertito la direzione dell'azienda ospedaliera, dandone notizia alle agenzie di stampa.

Dura la censura di Borrelli: "La foto che ritrae un infermiere che cucina allegramente in una delle stanze dell'ospedale mettendosi addirittura in posa, è un insulto per tutti i suoi colleghi che ogni giorno svolgono questo delicatissimo ruolo con estrema professionalità". Dalla foto sembra emergere, continua il consigliere, che "la postazione di cucina sia tutt'altro che improvvisata, facendo pensare che non si tratti di un episodio occasionale ma di una pessima consuetudine".

Dal Cardarelli però precisano che l'ambiente adibito alla preparazione della "impepata di cozze" non si trova in un reparto ma in una palazzina di servizi. Insomma, una delle accuse di Borrelli cadrebbe nel vuoto, perché nessun malato sarebbe stato nei paraggi. E quindi nessun odore può essersi propagato nelle corsie. Da sempre, medici e infermieri, soprattutto quelli impegnati in turni lunghi e notturni, si concedono qualche pausa per mandar giù un panino o bere un caffè. Più raramente, c'è chi si spinge oltre cucinando qualcosa in loco. Sulla vicenda, che la dice lunga sull'abitudine di postare di tutto sui social, dimenticando che si tratta di una porta spalancata, è intervenuto (chiamato in causa dallo stesso Borrelli) il direttore generale Ciro Verdoliva che ha fatto scattare un'inchiesta interna. E se la Commissione di disciplina dovesse riconoscerlo colpevole

per avere tenuto un comportamento certamente non consono al ruolo, l'infermiere-cuoco sarà punito dall'amministrazione dell'ospedale.

"Non sarà questa foto a vanificare il duro lavoro che la Regione, insieme ai dirigenti delle Asl, ai medici e agli infermieri, sta facendo per dare ai cittadini un servizio sanitario di eccellenza – ci tiene ad aggiungere Borrelli – ma proprio per questo simili atteggiamenti devono essere severamente sanzionati"

Articolo Originale

Rispondi