CONDIVIDI

MILANO – Icardi si, Higuain no. Il capitano dell’Inter alla fine ce l’ha fatta, tornerà a vestire la maglia dell’Argentina in vista delle qualificazioni mondiali contro Uruguay e Venezuela. Una convocazione che sa di liberazione visto per Maurito che non vestiva la maglia dell’albiceleste dal 16 ottobre del 2013 quando giocò appena 7′ nella gara persa contro l’Uruguay e valida per le qualificazioni ai Mondiali 2014. Sulla strada dell’interista c’era sempre Gonzalo Higuain che l’ex Ct Edgardo Bauza gli preferiva puntualmente. Con la gestione Sampaoli, invece, le cose sono cambiate e adesso per Icardi è l’ora del riscatto.Mi querida Argentina, hoy después de 4 años nos volvemos a encontrar, la última vez que vestí estos colores fue en aquel lejano 2013 cumpliendo el sueño de debutar en la selección Mayor con tan solo 20 años, gracias a mi trabajo y sacrificio. Después de algunos pasos por las selecciones inferiores, llegó el momento tan esperado. Quizás no fue de la mejor manera o en el mejor momento pero el orgullo y el sentimiento de representar a mi país fue algo que no se puede explicar. Hoy 4 años mas tarde me llega esta hermosa noticia, de poder estar de nuevo vistiendo la camiseta más linda del mundo, que representa a cada uno de nosotros, los argentinos, nuestra patria, nuestro País. Es por eso que hoy doy gracias a todos los que confiaron en mi. No me gusta hacer promesas pero si de una cosa estoy seguro es que lo dejaré todo por vos, mi querida Argentina. ???? #MI9Un post condiviso da Mauro Icardi (@mauroicardi) in data: LA LETTERA – "Mia amata Argentina", scrive Icardi su Instagram, "oggi ci ritroviamo dopo 4 anni, l’ultima volta che ho vestito questi colori è stato nel lontano 2013 realizzando il sogno di debuttare nella Selección a soli 20 anni, grazie al lavoro e al sacrificio. Dopo le esperienze nelle nazionali giovanili era arrivato il momento tanto atteso. Forse non nella maniera migliore o nel miglior momento, ma l’orgoglio e la gioia di rappresentare il mio Paese è stato qualcosa che non si può spiegare. Oggi a 4 anni di distanza arriva questa bella notizia, di poter tornare a vestire la 'camiseta' più bella al mondo, che rappresenta ciascuno di noi, gli argentini, la nostra Patria, il nostro Paese. E per questo oggi voglio ringraziare tutti quelli che hanno creduto in me. Non mi piace fare promesse ma di una cosa sono sicuro: darò tutto per te, mia amata Argentina".Calcio, Icardi convocato con l'Argentina: l'esultanza del figlio nel video di Wanda NaraArticolo Originale

Rispondi