CONDIVIDI

Le ENTRATE tributarie e contributive nel periodo gennaio-maggio 2017 evidenziano nel complesso un aumento dell'1,7% (+4,2 miliardi di euro) rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. I dati sono contenuti nel Rapporto sull'andamento delle ENTRATE tributarie e contributive, redatto congiuntamente dal dipartimento delle Finanze e dal dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.

L'aumento registrato è la risultante tra la crescita delle ENTRATE tributarie (+2 mld, +1,3 per cento) e quella evidenziata, in termini di cassa, dalle ENTRATE contributive (2,2 mld, + 2,4 per cento). Le ENTRATE complessive sono arrivate a 253,5 miliardi, risultato di 160,6 miliardi arrivati dai tributi a cui vanno sommati 92,9 miliardi di contributi. In particolare risultano pari a 80,7 miliardi (+1,1 mld pari a +1,4%) le imposte dirette e 78,7 mld (+1,8 mld, pari a +2,4%) le imposte indirette. Tra le imposte dirette, il gettito Irpef si è attestato a 72,4 mld (+1,1 mld, +1,6%). Risulta positivo l'andamento delle ritenute Irpef (+1,2 mld, +1,8%), ''nonostante gli effetti negativi sul gettito di alcune misure introdotte dalla legge di Stabilità per il 2017'', osserva il Mef (modifica delle detrazioni per redditi di pensione e revisioni al regime della detassazione dei premi di produttività). L'Ires è risultata pari a 1,5 mld (+211 mln, pari a +16,3%).

Tra le imposte indirette, le ENTRATE Iva ammontano a 46,8 mld (+1,9 mld, pari a +4,3%): 41,1 mld (+892 mln, pari a +2,2%) derivano dalla componente relativa agli scambi interni sulla quale incidono i meccanismi introdotti per aumentare la compliance; mentre gli altri 5,6 mld arrivano dal prelievo sulle importazioni (+1 mld, pari a +22,1%). Sull'ultimo risultato ha influito l'andamento del prezzo del greggio, che si mantiene su valori elevati rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+8 per cento). Le ENTRATE tributarie degli enti territoriali, nei primi cinque mesi del 2017, sono in flessione rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente: si registrano complessivamente ENTRATE per 10,4 mld (-164 mln, -1,6%). Le ENTRATE contributive dell'Inps ammontano a 85 miliardi, segnando un aumento del 2,2% (+1,8 mld). Tale risultato riflette, principalmente, l'incremento registrato dalle gestioni del settore privato (+3,6 percento). La gestione dei dipendenti pubblici conferma la sostanziale stabilità (+0,2 per cento) rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente. Gli incassi dell'Inail si sono attestati 4,9 miliardi, segnando un incremento di 194 milioni di euro (+4,2%). Le ENTRATE contributive degli enti privatizzati risultano in aumento rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente (+5,6 per cento).

Articolo Originale

Rispondi