CONDIVIDI

Il papà degli zombie cinematografici, il regista americano George A. Romero, è morto all’età di 77 anni. Lo riporta il Los Angeles Times citando il suo produttore Peter Grunwald che ha riferito che il regista è morto nel sonno “dopo una breve ma aggressiva battaglia con un cancro ai polmoni”. Aveva accanto a sé la moglie Suzanne Desrocher Romero e la figlia Tina.Sad to hear my favorite collaborator–and good old friend–George Romero has died. George, there will never be another like you.— Stephen King (@StephenKing) 16 luglio 2017Regista culto horror, George Romero è stato precursore in molti aspetti di un cinema che apparentemente si proponeva come puro intrattenimento ma invece nascondeva un linguaggio politico e sociale fortissimo. Durante la scorsa Mostra del cinema di Venezia Dario Argento, che di Romero è stato produttore ma soprattutto amico, in occasione della proiezione della copia restaurata di Zombi, il secondo capitolo della saga dopo La notte dei morti viventi, raccontava: “Noi che lo giravamo eravamo assolutamente consapevoli della dimensione politica del film, d’altronde si fa politica vivendo. Ogni film è politico nella misura in cui è immerso nella vita, io sono convinto che nel cinema tutto diventi politico se parla della realtà”.Articolo Originale

Rispondi