CONDIVIDI

Clamoroso dietrofront del governo sullo ius soli. Non ci sono le condizioni per approvare la legge sullo ius soli prima dell'estate, ma "si tratta comunque di una legge giusta. L'impegno mio personale e del governo per approvarla in autunno rimane". Il premier Paolo Gentiloni prende tempo e rinvia l'approvazione del ddl.

"Tenendo conto delle scadenze urgenti non rinviabili in calendario al Senato e delle difficoltà emerse in alcuni settori della maggioranza non ritengo ci siano le condizioni per approvare il ddl sulla cittadinanza ai minori stranieri nati in Italia prima della pausa estiva", si legge in una nota del presidente del Consiglio.

Immediatamente è arrivato il del vice segretario del Pd e ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina: "Sullo Ius soli il Pd seguirà l'indicazione proposta dalle valutazioni del Presidente Gentiloni. Come sempre detto siamo al suo fianco. La legge per la nuova cittadinanza rimane per noi un obiettivo importante".

Non è dello stesso avviso Roberto Speranza, coordinatore di Mdp, secondo il quale il rinvio è un errore: "Per noi lo ius soli è e resta una priorità. Ogni arretramento o rinvio è un errore. Soprattutto in questo momento". E, commentando le parole del premier Gentiloni, ha aggiunto: "Nessun cedimento culturale alla propaganda della destra".

Opposta la posizione del ministro degli Esteri e leader di Ap Angelino Alfano, secondo il quale "il presidente del Consiglio ha gestito la vicenda dello ius soli con realismo, buonsenso e rispetto per chi sostiene il suo Governo. Apprezziamo molto. Al tempo stesso, ribadiamo che su questo provvedimento abbiamo già detto 'Sì' alla Camera e lo stesso faremo al Senato dove una discussione più serena permetterà di migliorare il testo, senza che il dibattito si mescoli alla faticosa gestione dell'emergenza di questi giorni".

Il presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani esprime parole di apprezzamento per la decisione del governo, annunciata dal premier Paolo Gentiloni di rinviare l'approvazione del ddl sullo ius soli in autunno. "Apprezziamo la decisione del Presidente Gentiloni di rinviare la discussione sul cosiddetto Ius soli. E' una scelta capace di rasserenare il clima politico e i lavori in Aula al Senato – spiega Romani – gia' congestionato dalle tante scadenze; ma ci auguriamo soprattutto che consentira' alle forze politiche un vero confronto sulle reali priorita' ed emergenze del Paese. La stagione estiva vedra' un intensificarsi delle partenze, degli arrivi sul nostro territorio e purtroppo anche degli incidenti in mare: non possiamo piu' reggere il flusso inarrestabile di migranti economici. Un grande paese come il nostro ha il dovere di assumersi importanti responsabilita' in politica internazionale, agendo il prima possibile per bloccare le partenze dalle coste libiche. Forza Italia come responsabile partito di opposizione a questo governo sapra' collaborare se decisioni importanti per la nostra sicurezza saranno prese per evitare una catastrofe umanitaria ed una rottura del tessuto sociale del nostro Paese", conclude.

Articolo Originale

Rispondi