CONDIVIDI

(Fotogramma)

Pubblicato il: 19/04/2017 19:01

Bilancio in rosso per Mediaset nel 2016. Il risultato netto consolidato è negativo per 294,5 milioni di euro rispetto ai +3,8 milioni di euro del 2015, "un risultato imputabile agli effetti della vicenda Vivendi", si legge nella nota del gruppo di Cologno Monzese.

Una vicenda "che impatta solo sulle attività italiane (-380,1 milioni di euro di risultato netto rispetto ai -74,6 milioni del precedente esercizio). In Spagna invece il dato è positivo per 171 milioni di euro in crescita rispetto ai 166,2 milioni del 2015".

"Senza la vicenda Vivendi Mediaset avrebbe chiuso il 2016 in pareggio", ha detto il vicepresidente e ad di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, al termine del cda del gruppo.

Vivendi a fine luglio "ha rinnegato il contratto definitivo con Mediaset e influito direttamente e negativamente sull’esercizio", evidenzia il gruppo di Cologno. Un impatto che il Biscione "non ha avuto modo di contrastare nonostante una gestione rigorosa delle attività italiane. I risultati 2016 scontano quindi fatti straordinari, imprevisti e indipendenti dalla volontà della società". In particolare, sono stati sostenuti oneri straordinari una tantum – derivanti dagli impegni assunti in seguito alla firma del contratto con Vivendi e dalle necessarie svalutazioni successive – pari a 269,3 milioni a livello di Ebit. A questa voce "si aggiungono le passività legate all’imprevista permanenza delle attività pay nel perimetro aziendale anche per il quarto trimestre 2016. Attività che – anche a causa dello stallo operativo subito da aprile ad ottobre 2016 – ha generato una perdita supplementare pari a 72,0 milioni di euro".

La somma di queste poste non ricorrenti imputabili alle infrazioni di Vivendi porta gli oneri straordinari "a un totale di 341,3 milioni di euro". I ricavi netti ammontano a 3.667 milioni in aumento rispetto ai 3.524,8 milioni del 2015 (+142,2 milioni). I ricavi in Italia sono cresciuti a 2.675,9 milioni di euro rispetto ai 2.554,2 milioni dell’anno precedente (+4,8%). In incremento anche in Spagna con 992 milioni rispetto ai 971,9 milioni del 2015 (+2,1%).

L’indebitamento finanziario netto è passato a 1.162,4 milioni rispetto agli 859,4 milioni del 31 dicembre 2015. La variazione è stata determinata dagli impatti finanziari pari a 75,3 milioni per il completamento dell’acquisizione del gruppo RadioMediaset, dall’investimento pari a 107 milioni relativo all’incremento della quota di controllo in Mediaset España ed EI Towers realizzato attraverso il riacquisto di azioni proprie, e dagli esborsi per 55,2 milioni connessi all’attività M&A del gruppo EI Towers. Si aggiungonole uscite per complessivi 106,1 milioni connesse alla distribuzione di dividendi da parte di Mediaset e Mediaset España.

Rispondi