CONDIVIDI

Il centravanti turco protagonista contro lo Shenhua. Hulk non basta allo Shanghai, vince l'Evergrande. In testa volano il Guangzhou R&F e lo Shandong di Pellè.

Si risvegliano i giganti nella terza giornata della Chinese Super League. I big tornano finalmente in copertina con gol e assist: le due settimane di stop dedicate alla coppa e alle nazionali devono aver contribuito a ricaricare le energie dei top player d'Oriente.

In molti hanno infatti cominciato aprile con il piede giusto, d'altronde questo mese appena iniziato ci darà grosse indicazioni sul proseguo del campionato, dal momento che da qui a maggio verranno giocati altri quattro turni. Se venti giorni fa, la maggior parte delle stelle aveva deluso, con il solo Witsel capace di andare in gol, stavolta la situazione è ben diversa, visti i numerosi talenti che hanno timbrato il cartellino tra sabato e domenica.

Scopriamo allora le loro imprese dell'ultimo week-end, con la rubrica di FoxSports.it dedicata al calcio cinese, China Station.

Iniziamo il nostro approfondimento con la redenzione del Guangzhou Evergande: gli uomini di Scolari, trascinati dai gol di Yu Hanchao e dei brasiliani Alan e Ricardo Goulart, hanno battuto 3-2 lo Shanghai SIPG di André Villas-Boas nel big match del 3° turno. Buona la prestazione dell'altro sudamericano, Paulinho, nel Guangzhou; dall'altra parte, le reti di Hulk ed Elkeson non sono bastate a proseguire la striscia iniziale di vittorie consecutive, fermatasi a sei. Rimandato Oscar[1]: l'ex Chelsea non ha brillato, nonostante l'assist in occasione del gol di Hulk.

Copyright GettyImages Elkeson, attuale capocannoniere del campionato cinese.

Derby di Cina: vince il Beijing Guoan di Burak Yilmaz

Decisamente meglio ha fatto Burak Yilmaz, autore della doppietta decisiva grazie alla quale il Beijing Guoan ha conquistato il 47° derby di Cina[2] contro lo Shanghai Shenhua. Nonostante la presenza in campo di Tevez, Guarin[3] e Gio Moreno, tutti e tre insufficienti, gli uomini di Gus Poyet si sono dovuti arrendere ai colpi dell'ex Galatasaray.

YilmazCopyright FoxSports.it Burak Yilmaz, doppietta contro lo Shanghai Shenhua.

Sorprese in testa: comandano Guangzhou R&F e Shandong

Il primo posto, però, è occupato dalla strana coppia formata da Guangzhou R&F e Shandong Luneng, entrambe a punteggio pieno. L'R&F ha vinto di misura sul campo dello Yanbian Fude grazie alla prima rete in campionato dell'ex trequartista del Palermo, Eran Zahavi. Allo Shandong di Graziano Pellè[4], invece, sono bastati due gol del senegalese Papiss Cissé per sbarazzarsi del Changchun Yatai di Ighalo[5].

3° giornata: risultati e classifica della Chinese Super League

CannavaroCopyright GettyImages Fabio Cannavaro davanti ai suoi collaboratori.

Sugli altri campi, sorridono gli ex Juventus: il Tianjin di Fabio Cannavaro ha colto il primo successo in campionato battendo 1-0 l'Henan Jianye (bene, finalmente, Pato, autore di un assist); il gol di Hernanes[6] ha permesso all'Hebei di Manuel Pellegrini di portare a casa i tre punti contro il Guizhou. Importanti, infine, le vittorie di Tianjin Teda (2-0 al Lifan, prima rete cinese di Obi Mikel[7]) e Liaoning, che con il 3-1 inferto al Jiangsu certifica la crisi della società del gruppo Suning, attualmente penultima. Curiosamente non è arrivato alcun pareggio, dopo gli otto segni x registrati nelle prime sedici partite.

In classifica, dietro Guangzhou R&F e Shandong, ci sono Evergrande e Shanghai SIPG a quota 6 punti. Quinto posto per Liaoning ed Hebei, a 5. Capitolo marcatori: 4 gol per Elkeson e Burak Yilmaz, seguono con 3 Gio Moreno e Papis Cissé. Si è sbloccato in campionato il capocannoniere della stagione passata, Ricardo Goulart, che quest'anno aveva segnato solo nella Champions League asiatica.

References

  1. ^ Oscar dos Santos Emboaba Junior (www.foxsports.it)
  2. ^ ha conquistato il 47° derby di Cina (www.foxsports.it)
  3. ^ Fredy Guarín (www.foxsports.it)
  4. ^ Graziano Pellè (www.foxsports.it)
  5. ^ Odion Ighalo (www.foxsports.it)
  6. ^ Anderson Hernanes de Carvalho Andrade Lima (www.foxsports.it)
  7. ^ John Obi Mikel (www.foxsports.it)

Articolo Originale

Rispondi