CONDIVIDI

I due cappuccini sono stati offerti dal barista fiorentino. Ma il principe del Galles poi non ha voluto sentire storie: il pecorino di grotta della Maremma, il prosciutto di San Casciano e i salamini toscani ha voluto assolutamente pagarli. Nello storico mercato di Sant'Ambrogio a Firenze a fare la spesa è stata una coppia d'eccezione. Carlo e Camilla, al quarto giorno del loro viaggio in Italia, hanno visitato le botteghe del mercato rionale, assaggiato formaggi e salumi, e parlato con i negozianti tra lo sguardo curioso dei fiorentini, intenti a scattare un selfie ricordo di una mattinata reale al mercato.

La prima tappa è stato il Caffé Vecchio Mercato. Carlo e Camilla, intorno alle 10, hanno ordinato due cappuccini al bar: il principe del Galles ha tirato fuori dalla tasca gli spiccioli per pagare ma il cassiere ha voluto offrire, a tutti i costi. "E' un cappuccino buonissimo", ha commentato Carlo ringraziandolo.

Firenze, Carlo e Camilla al mercato: la spesa di salumi e formaggiPoi è stato il turno della spesa: Carlo ha chiesto informazioni sui vari tipi di carne al titolare Luca Menoni e si è informato sui turni di lavoro dei dipendenti: "Ci alziamo alle 4 di mattina – hanno risposto i negozianti". Alla Bottega dell'Augusta, invece, Carlo e Camilla hanno assaggiato anche la schiacciata all'olio e chiesto ai loro assistentidi fare delle compere: "Sono ottimi prodotti", ha detto Carlo facendo acquistare un chilo di pecorino stagionato di grotta prodotto in Maremma, un chilo di prosciutto casalingo di San Casciano Val di Pesa e due etti di salamino delle colline fiorentine. "Ha voluto pagare i nostri prodotti a tutti i costi – racconta Ilaria Formigli, titolare della Bottega – ci fa veramente piacere che la sua presenza contribuisca a valorizzare i prodotti toscani".
Articolo Originale

Rispondi